Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Pan American: Swimming in a Western Motel
Edward Hopper DYI
↤ Tracce

Un tuffo dove l’acqua è più trasparente.

Pan American
Swimming in a Western Motel

Forse è per via del fatto che siamo sempre più prostrati e perennemente sull’orlo della crisi di nervi, ma ci sono giorni in cui nell’aria avverto un desiderio di musica amniotica. Di qualcosa che riscaldi e nutra lo spirito e la mente a prescindere dalle modalità e dal linguaggio sonoro cui gli artisti ricorrono e a un’attitudine rivolta a confortare o scombinare le carte. Conta il risultato, ecco.

Per questo motivo mi piace accostare l’operato di Mark Nelson – che da anni ha archiviato i Labradford ma ne conserva l’intimo messaggio – alla visionarietà di Burial, considerando il suo “minimalismo romantico” come l’altra faccia dell’inquietudine urbana dipanata in Antidawn. A dir poco perfetti, certi strumentali per chitarra («Duane Eddy suona Erik Satie» l’ha definita Brian Eno azzeccandoci in pieno) che trasportano Ry Cooder ad ambientare la colonna sonora di Paris, Texas su pianeti con meno gravità. Lo stesso per un post rock attraversato – quando ci sono – da voci lontane però sempre presenti e collocabile da qualche parte tra il twang anni ’50, il country, l’ambient.

↦ Leggi anche:
Starlight Assembly: Bloodlines (Pan American Remix)
Burial (feat. Four Tet & Thom Yorke): Her Revolution / His Rope
Burial: New Love

Materia trasparente con la quale Mark traffica da quasi venticinque anni – disco dopo disco ed elegia dopo elegia – disegnando panorami nei quali lo spazio emotivo e quello fisico si mescolano fino a confondersi. Ragionando sulla separazione cui siamo forzati, oggi ti fa sentire meno solo. Prova ne sia che su questa “nuotata in un motel dell’ovest” lieve, eterea e poggiata su una lap steel aleggi un’America metafisica che, come suggerisce l’autore, richiama Edward Hopper. Una terra di orizzonti ampi, dove il silenzio a tratti si spezza. Dove la gente si aggira in cerca di se stessa e alla fine trova qualcun altro.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Altra musica  February 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.