Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Father John Misty: Funny Girl
The Young Pope
↤ Tracce

Old Hollywood is the new Hollywood.

Meduse volanti psichedeliche e l’orchestrina vintage che strizza l’occhio all’agrodolce musical del 1964 con Barbra Streisand? Davvero un bel connubio per un fortunato ritorno di un’icona indie rock come Father John Misty che – da bel furbacchiotto belloccio quale è – questa volta ci ha messo idee, sentimenti e una vena nostalgica (o, se vogliamo, postmoderna) di sicura efficacia specifica.

Patrono di un’estetica che fa del “bello” la propria bandiera, l’ex batterista dei Fleet Foxes torna a riesumare i fasti di un fresco revival orchestrale dei (grandi) tempi che furono, rivalutando una forma che ultimamente si era affievolita intorno alla superficie così pettinata di quello che – per dirla à la Ryan Adams – «the most self-important asshole on earth».

Josh Tillman, effettivamente, è stato spesso associato al suo ruolo di contestatore – neppure troppo lucido e solo apparentemente pacato – del mondo che corre. Ma si sa, quello che si dice (o si è) non è spesso capace di contrastare quello che si fa con il proprio lavoro. E tutto sommato a noi i lavori di Tillman ci son sempre piaciuti (e non solo il più noto Pure Comedy).

Funny Girl riscopre l’America del cinema che fu (e che torna prepotente) e infatti funzionerebbe come colonna sonora di uno qualunque dei film che stanno popolando il panorama della new Hollywood indie, esattamente colorata come quella vecchia. In poche parole: una suadente ballad radiofonica dal gusto di grammofono. L’orchestra – probabilmente memore dell’ultimo Off-Key in Hamburg, live speciale dell’8 agosto 2019 all’Elbphilharmonie di Amburgo con la Neue Philharmonie Frankfurt – definisce il passaggio successivo della discografia del ragazzotto del Maryland. Chloë and the Next 20th Century uscirà infatti l’8 aprile per Bella Union, a quattro anni dall’ultimo God’s Favorite Customer, e ci auguriamo confermi le premesse.

//

↦ Leggi anche:
Fleet Foxes: Fool's Errand
Father John Misty: Mr. Tillman
Fleet Foxes: Shore