New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Destroyer: Tintoretto, It's for You
Patroni dell'indie barocco

Destroyer
Tintoretto, It's for You

Misteri sofisticati del pop o misteri del pop sofisticato?

Tra le band di culto rimaste sempre nell’ombra dei riflettori più accecanti (ma da sempre esponenti di spicco dell’underground più florido e fascinoso) non possiamo dimenticarci di Dan Bejar e dei Destroyer, il suo gruppo principale – diciamolo pure – e anche quello più prolifico. Senza, naturalmente, voler togliere nulla a Swan Lake (dove collabora con membri di Frog Eyes e Wolf Parade), Hello, Blue Roses e New Pornographers.

È ancora una volta dal Canada (anche se questa volta non da Montreal ma da Vancouver) che spuntano fuori alcuni dei protagonisti più interessanti dell’indie pensante. E con Tintoretto, It’s for You la miscela electro-tutto dei Destroyer ritorna a brillare in quanto perfettamente oliata ed efficace, ancora una volta tra le migliori in circolazione, sempre nuova e imprevedibile.

Baroccheggiando qua e là, scorre un rivolo di pianoforte stridulo e una chitarra giocherellona, ombreggiata da un ritmo tremolante di batteria elettronica, prima che il ritornello esploda in un elettrizzante electro-punk danzereccio. «Tintoretto, it’s for you / The ceiling’s on fire and the contract is binding». Difficile captare cosa Bejan intenda, ma è proprio nella zona grigia del misunderstanding che molte volte il mistero affonda le sue carte più efficaci, esattamente come un quadro da imparare ad apprezzare, scandaglio dopo scandaglio. O forse anche solo a prima vista.

E a proposito di mistero, ecco cosa aggiunge il regista Galloway in merito al video: «Nessuno muore, nessun tema viene esplorato a lungo e alla fine è tutto solo una raccolta di false piste di quartiere. Tutti indizi che non vanno da nessuna parte. Ma questo è il mistero. Questo è il mistero dei video musicali».

In uscita il 25 marzo tramite Merge Records, LABYRINTHITIS, è stato scritto principalmente nel 2020, registrato la scorsa primavera e lavorato a distanza con il frequente collaboratore John Collins. Misterioso e promettente, da perdercisi dentro, fin dal titolo.

Destroyer New Pornographers Swan Lake Dan Bejar 

↦ Leggi anche:
Traccia: Destroyer: Tinseltown Swimming In Blood

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!