Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
North Mississippi Allstars: See the Moon
Stelle in rigoroso bianco e nero
↤ Tracce

Fa’ la cosa giusta (al momento giusto).

North Mississippi Allstars
See the Moon

Quando metti su un’impresa familiare, due cose contano: la qualità del prodotto – ovviamente – e poi il retaggio. Oppure, se preferite, le radici: croce e delizia di ogni artista occidentale, più di chiunque assillato dall’ansia dei propri modelli. A maggior ragione se rientra nella vituperata categoria dei figli d’arte. Dal 1996, infatti, i North Mississippi Allstars girano attorno ai fratelli Luther e Cody Dickinson, rampolli di quel leggendario Jim che è stato produttore, musicista e profondo conoscitore dei meccanismi della tradizione e dei grimaldelli utili a scardinarli per non scivolare nel purismo o nell’accademia.

Siccome buon sangue non mente, i ragazzi partono da lì, dalla devozione e dalla conoscenza del bagaglio culturale delle loro terre – il Nord Mississippi, appunto: parliamo dunque di blues da palude, marce popolari, rock’n’roll primigenio e dei Sixties, country, gospel – per mantenerlo intenso e fresco in spirito e forma. In una discografia ricca e impeccabile, hanno contaminato e impastato suoni senza inutili forzature né vuoti accademismi, ma – ancor più da che il babbo è mancato nel 2009 – raccogliendo per strada ospiti e collaboratori, deviando talvolta dal percorso con significative attività parallele e soprattutto tenendo alto il livello di scrittura, verve ed esecuzione.

Ennesima prova di quanto la ricetta sia gustosa, See the Moon anticipa il nuovo album previsto a fine gennaio tramite uno spedito, epidermico groove bluesy spruzzato di soul e aromatizzato con il giusto pizzico di rock leggero anni ‘70. Il genere di cosa che ai Black Keys non riesce più, e che vorresti ascoltare alla radio quando nella tua giornata arriva il momento in cui hai maledettamente bisogno di certezze.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  January 2022  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.