Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

MØL - Vestige
Black metal e tulipani
↤ Tracce

Il caro, vecchio blackgaze rosaceo, che ancora dice la sua.

MØL - Vestige

Con i Deafheaven che hanno da poco abbandonato la vena più black in favore di quella più gaze, c’era da aspettarsi che qualcun altro potesse prendere il posto della band americana. Ed ecco, dunque, a distanza di qualche anno dal primo – promettente – Jord, che i danesi MØL tornano alla grande con il nuovo Diorama. ll rosa, certo, tira oggi più del nero e non saranno in pochi, ormai, ad aver capito che anche nel retro di H&M si ascolta black metal.

Cavalcando l’onda fortunata del blackgaze, i danesi ripercorrono le coordinate ormai chiave del genere, con i pattern black metal canonici, orientati verso quella pomposità di scale maggiori e aperture sognatrici, sempre più capaci di arrivare dritte allo spirito. E anche se non è di sicuro la purezza del black a essere la protagonista, quanto un mood più sognatore e post-rockeggiante, le cose sono fatte per funzionare fin da subito.

Kim Song Sternkopf – vero e proprio erede di George Clarke, che ci immaginiamo esaltarsi nelle sue pose teatrali proprio come il leader dei Deafheaven – dice tutta la sua e la dice piuttosto bene, soprattutto quando è aiutato da un comparto ispirato come quello delle due chitarre Nicolai Hansen e Frederik Lippert.

Con Vestige, infatti, c’è un vero e proprio picco di intensità, che apre totalmente alle tonalità luminose e iridescenti del post-rock più immediato e – pur senza l’estro dei tempi del rosaceo Sunbather (ormai assurto a capostipite di questo nuovo filone) – ci si può pienamente accontentare della magniloquenza espressiva di queste lande nordeuropee sempre più aperte ad accogliere la luce dopo l’oscurità.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.