New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

King Hannah: All Being Fine
Coppia, di fatto

La psichedelia sonnacchiosa del sabato mattina.

Confidando in certe aspettative da luogo comune, non diresti che il duo composto da Hannah Merrick e Craig Whittle provenga da Liverpool. Poi rifletti meglio e ricordi che, nel pieno sbocciare del post-punk, il Mersey è stato testimone di una psichedelia “nuova” non per modo di dire. Anche qui, tuttavia, devi fare dei distinguo, poiché la Merrick vanta origini gallesi e nei King Hannah – pronti a debuttare su album in febbraio dopo un corposo EP del 2020 – non si rinvengono tracce della new wave lisergica di Echo & the Bunnymen e Teardrop Explodes.

Alla visionarietà, infatti, All Being Fine preferisce un torpore vagamente oppiaceo che intreccia il cantautorato di Smog e Palace Brothers alle meditazioni cadenzate dello slowcore e – finalmente – a una psichedelia che flette i muscoli e sta alla larga dalle sbrodolate. Sono in ogni caso più ricami che segni marcati quelli che appaiono su un groove secco e ipnotico, profumato di quell’intontimento tipico di un sabato mattina invernale, ovvero del momento in cui ti stai svegliando però indugi ancora tra le coltri, magari provando a recuperare la coda di un sogno interrotto sul più bello.

Allo stesso modo, da un momento all’altro All Being Fine sembrerebbe esplodere in un’impennata o sciogliersi in puro incanto estatico. Invece coglie in contropiede, proseguendo senza scomporsi per la sua strada e mantenendo intatta la tensione. Ne deriva un enigma arguto di quelli che Jesse Sykes ci nega da un decennio, tra ipotesi di Opal e Mazzy Star avvolti in un esperanto indie, minimalismo calibrato al millimetro, atmosfere allo stesso tempo coinvolte e distanti. Qualcosa di mai scontato che, catturata l’attenzione in punta di piedi, sparge attorno a sé un romanticismo obliquo e meravigliato del quale scopri di non poter più fare a meno.

King Hannah Hannah Merrick Craig Whittle 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!