Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

In the Nursery: Ekatchrome (The Animator)
I gemelli davvero diversi
↤ Tracce

Cinema in musica, ovvero l’arte di stupire (ancora) a 60 anni.

In the Nursery
Ekatchrome (The Animator)

Parlare degli In the Nursery è come tracciare una linea che parte dai primi anni ‘80 nell’esplosione post-punk a Sheffield e si snoda poi per quattro decenni, in un percorso che ha tracciato mode e generi, inziando dalla darkwave e sviluppandosi in soluzioni che hanno abbracciato di volta in volta frammenti più o meno pesanti di industrial, synth pop, neoclassica, world music e musica cosmica.

Sempre lontani dai riflettori che contano – ma mai avari di lavori amati dalla critica seria e dal pubblico più attento ed esigente – i gemelli Humberstone festeggiano il quarantesimo anno di attività e i sessant’anni di vita, regalando agli ascoltatori un assaggio del loro prossimo album il cui titolo non è altro che il loro cognome, in uscita a febbraio 2022.

Ekatchrome (The Animator), a un primo ascolto, può spiazzare coloro che hanno seguito e amato Klive e Nigel in tutti questi anni, ma il disorientamento dura quel tanto che basta a riconoscere il trademark distintivo del duo inglese.

Ariosa e cinematografica, si snoda come fosse la colonna sonora di una scena portante in un film di una volta, dove la fotografia e la recitazione facevano la differenza e poco importava quanto gli effetti speciali fossero credibili e impressionanti. Allo stesso modo la struttura raffinata e ricercata del pezzo si spoglia di ogni frivolezza estetica lavorando di sottrazione in maniera sapientemente efficace, lasciando nell’ascoltatore un inaspettato taglio netto al cuore quando in realtà sembravano carezze.

La maestria con la quale gli In the Nursery riescono ad arrivare a composizioni simili è innegabile, così come diventa impossibile non restare rapiti da questa nuova fase grondante 4AD dei Nostri. Mille di questi giorni.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.