Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Holy Youth Movement: Tranquilizer
La sapete l'ultima sui Kasabian?
↤ Tracce

Alla faccia del tranquillante.

Holy Youth Movement
Tranquilizer

Chi l’ha detto che le raccomandazioni sono una brutta cosa? Gli Holy Youth Movement – che gli amici chiamano affettuosamente HYM – sono un baldo quintetto sorto dalle ceneri di The Shimmer Band, arrivano dall’inesauribile crogiolo di razze, suoni e culture di Bristol e tuttavia di trip hop in loro non ne trovate. Preferiscono darsi l’aria dei tipacci, di conseguenza battono il ferro rovente tra il martello del rock’n’roll stradaiolo e l’incudine di un’elettronica da dancefloor per intellettuali senza spocchia.

Del resto, il minimalismo e l’ipnosi di Stooges e Chemical Brothers sono parecchio vicini, come hanno insegnato i Primal Scream all’inizio del nuovo millennio. Ed è qui che, puntuale, arriva la raccomandazione: lo schiacciasassi ad elevato tasso di orecchiabilità Tranquilizer ospita Andrew Innes a chitarra e sintetizzatore, mentre della produzione e del missaggio si è occupato il navigato Jagz Kooner, già braccio destro di Sua Maestà Andrew Weatherall. Una questione di affinità elettive, dunque, che questi cinque minuti scorrano su quel groove kraut dance attraversando l’immaginaria terra di nessuno dove Detroit e Colonia sono metropoli confinanti.

↦ Leggi anche:
Iceage: Vendetta
Kasabian: You're In Love With A Psycho
Extranauts: We Used to Dream
Amala, pazza Manchester!
Primal Scream: chiamatelo Apocalypse Pop

Lo stesso dicasi per il senso di deragliamento imminente che non arriva mai ma ti lascia in dote la tensione. Sì, anche se a metà strada – come a un certo punto ti aspetti – si apre una botola alla Giorgio Moroder in cui rifiatare e partire di slancio verso il traguardo, l’adrenalina in cassa dritta e lo sguardo alle strobo che sbrilluccicano sul soffitto. Più che revival, si tratta del classico caso in cui ogni tassello è al posto giusto in un panorama sonoro storicizzato. O, se preferite, di gente che sa come onorare il padre e la madre facendola franca.  

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Editor's pick  Rock  Electro  January 2022  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.