New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Geese: Rain Dance
Giovani, sorridenti e pieni di talento

Se vuoi l’arcobaleno, devi rassegnarti a sopportare la pioggia.

Rain Dance è la canzone d’apertura del disco d’esordio dei Geese, ovvero uno dei migliori album che avete ascoltato (perché l’avete ascoltato, vero?!) quest’anno.

Il gruppo è formato da cinque giovani ragazzi nati e cresciuti a Brooklyn che si sono diplomati pochissimo tempo fa. Quando erano a scuola amavano parecchio cazzeggiare con gli strumenti e una volta finito il liceo hanno invece iniziato a fare sul serio, incidendo un disco con nove canzoni che sono tutti potenziali singoli: roba davvero rara di questi tempi.

Unendo la furia giovanile dei primi Strokes a certe chitarre alla Television, Fall e Gang of Four (ma anche a suoni che ricordano Dinosaur Jr., Pixies e Sonic Youth) i Geese hanno tirato fuori un vero e proprio instant classic. Tutto questo senza nemmeno rendersene a modo conto.

Projector è uscito per Partisan Records, la stessa etichetta che si tiene stretti sotto la propria ala gente come IDLES e Fontaines D.C. – sarà un caso? Una coincidenza? Difficile.

Geese IDLES Fontains D.C. 

↦ Leggi anche:
Traccia: Bambara: Mythic Love
Traccia: Enola Gay: Scrappers
Traccia: IDLES: Damaged Goods
Traccia: IDLES: Mr. Motivator
Traccia: Tom Morello & IDLES: The Bachelor
Traccia: TV Priest: Press Gang

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!