Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Roseluxx: Ragazza a Roma
Roma ci fai girar la testa
↤ Tracce

Cantori postmoderni per litanie senza tempo ambientate nella città eterna.

Roseluxx
Ragazza a Roma

Negli ultimi anni, la disponibilità di editor audio gratuiti dall’utilizzo intuitivo, unito al venire alla luce di parti isolate di brani noti, ha ridato una botta di vita a un fenomeno che fino a poco prima era esclusivamente in mano a DJ e produttori: il mashup.

Ci si può sbizzarrire, e l’unico limite è la fantasia. Per esempio, come suonerebbe un ipotetico brano inedito di Paolo Conte suonato dai Blonde Redhead e cantato da una Jessica Rabbit in gessato?

Per chi vorrebbe una risposta ma non è avvezzo alla tecnologia vengono in aiuto i Roseluxx. Arrivati ormai al terzo album, la loro formula è allo stesso tempo tradizionalmente legata alla musica italiana popolare del secolo scorso come alle soluzioni più moderne, così da creare un contrasto piacevolmente inedito che regala nuova linfa a un genere che altrimenti rischia di ripiegare sempre e comunque su soluzioni già sperimentate negli anni ‘80.

Ragazza a Roma è un fulgido esempio di questo approccio musicale, sempre in bilico tra passato e futuro e in cui il presente sembra quasi essere impalpabile. In un ipotetico remake di un film di Fellini ambientato ai giorni nostri la musica dei Roseluxx sarebbe la colonna sonora ideale, sia a livello musicale che lirico, con un continuo gioco d’ombre tra chiaroscuri dati dal matrimonio tra note e parole.

Lo sguardo inedito con cui la band stende le note su pentagramma è ciò di cui un certo modo di intendere il rock elettronico ha bisogno oggi per svecchiare senza scadere nel pacchiano. La colonna sonora ideale per una passeggiata solitaria in una Roma autunnale e uggiosa immersa in quest’anno sempre più tinto di colori noir.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.