Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Porcupine Tree: Harridan
Men in black are back
↤ Tracce

I porcospini sono tornati e noi ancora non riusciamo a crederci.

Porcupine Tree
Harridan

Con un’operazione incredibilmente disinvolta – considerando il massimo riserbo con cui è stata condotta – senza troppi grandiosi proclami, ma con due comunicati «Così! De botto, senza senso» nel giro letteralmente di una settimana, i Porcupine Tree annunciano: un nuovo singolo (questo), un nuovo disco, un ritorno alle scene che ormai sembrava relegato alle fantasie di pochi nostalgici e nientemeno che un tour promozionale nel 2022. Badate bene: “ritorno alle scene”, non reunion, visto che tecnicamente la band non si era mai sciolta.

Harridan è un ottimo apripista. Eccellente mix dei Porcupine Tree della fase In Absentia / Deadwing e dell’ultimo Steven Wilson, il pezzo si apre con un grintoso riff di basso su cui si inseriscono i tempi dispari di Gavin Harrison e un corposo tappeto di chitarre. Alcuni aspetti delle linee melodiche richiamano anche il clamoroso EP Fear of a Blank Planet, così come il testo a metà fra il criptico introspettivo e l’alienato (lyrics video qua, per chi fosse interessato). Il dipanarsi della canzone procede alternando momenti più rilassati («it’s the time / of the almost rain») a riprese del riff iniziale con passaggi taglienti e decisamente più heavy (vedasi l’intermezzo centrale).

↦ Leggi anche:
Steven Wilson: Eminent Sleaze
Richard Barbieri: Serpentine
Blackfield (feat. Brian Molko): Under My Skin (Sirens Remix)

Complessivamente, un bel comeback in pieno stile Porcupine Tree, con un pezzo che vuole mettere subito le cose in chiaro e annunciare un ritorno in piena regola. Anche il titolo del disco in arrivo, Closure/Continuation (nomen omen), sembra rappresentare proprio la volontà di riprendere il discorso lasciato ormai in sospeso da più di 13 anni, dopo l’ultimo The Incident.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.