Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Cypress Hill: Open Ya Mind
«Legalize and I'll advertise!»
↤ Tracce

Oops!… L’hanno fatto di nuovo.

Cypress Hill
Open Ya Mind

A 30 anni dal debutto, i Cypress Hill sono tornati con i primi due singoli che anticipano l’uscita di un nuovo album, prevista per il 2022. Nel mezzo c’è stata parecchia roba, tra cui anche Black Sunday (1993), il triplo platino (oltre 20 milioni di copie vendute) che li ha incoronati seduta stante imperatori dell’hip hop latino-americano.

Il segreto del loro successo? Quello che probabilmente manca a molti rapper di ultima generazione: un po’ di sana cultura musicale. «Siamo cresciuti ascoltando di tutto», ha spiegato Sen Dog, «Rick James e Parliament-Funkadelic, ma anche Kiss e Black Sabbath. Dobbiamo moltissimo a Santana, Celia Cruz e Tito Puente, altrettanto ai Led Zeppelin, ai Cream e ai Creedence Clearwater Revival. Quando abbiamo iniziato a fare i nostri dischi, abbiamo pensato fosse importante far conoscere alla gente il nostro background. Se poi hai un produttore come Muggs, che sa catturare i diversi elementi di tutti quegli artisti e condensarli in un unico progetto, allora hai la combinazione vincente».

Lo scorso marzo, Champion Sound aveva fatto da apripista, riportandoci – tre anni dopo le sperimentazioni dell’acclamato Elephants on Acid – al sound più sporco e diretto delle origini.

Questa Open Ya Mind, fresca di lancio, si appiccica in testa come le manine dei sacchetti delle patatine anni ‘80 ai muri. Anche grazie a un bass groove ipnotico e a un trillo, che, a mo’ di campanello pavloviano, fa aumentare la salivazione e genera dipendenza.

«Prima di buttarmi su Elephants on Acid, pensavo sarebbe stato il mio ultimo lavoro come Cypress Hill», ha detto Dog, «ma le cose possono sempre cambiare. Il modo in cui mi sono sentito dopo averlo fatto e aver portato i pezzi sul palco, mi ha fatto dire: “Cazzo, facciamone un altro!”». Caxxo sì!

↦ Leggi anche:
DJ Muggs the Black Goat: Nigrum Mortem
Public Enemy (feat. Cypress Hill & George Clinton): Grid

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.