Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Yard Act: The Overload
Facciamo fuoco e fiamme, ma con discrezione
↤ Tracce

Pop proletari d’Inghilterra, unitevi!

Yard Act
The Overload

Da quando ha traslocato in un’altra dimensione, Mark E. Smith è presente più che mai. Volendo infatti tracciare le coordinate di gruppi come Idles e Shame, il suo nome ricorre e non potrebbe essere altrimenti.

Lo stesso dicasi per gli Yard Act di Leeds, che si definiscono minimalist rock group e lo scorso febbraio hanno pubblicato l’ottimo E.P. Dark Days.

In circolazione da un paio di anni, ruotano attorno a Ryan Needham e al cantante – guarda un po’ il destino – James Smith. Qualche concerto, una parca manciata di brani e nasce il caso attorno a una formazione allargatasi a quartetto.

Tranquilli: una volta tanto c’è della sostanza. Per esempio un avant pop protestatario conscio che la Parklife è finita per sempre. O la satira avvelenata contro un neoliberismo che non ha i giorni contati. O, ancora, il momento in cui un gruppo inglese diventa un comunicatore sociale e il surrealismo serve a leggere meglio la realtà. Come in una scena di Doctor Who, William Hogarth si trasforma nel frontman dei Fall: è il mezzo a cambiare, non il fine. Travolgente e appiccicosa, The Overload funge da apripista per l’omonimo album in uscita ai primi del gennaio prossimo, dunque staremo a sentire.

Intanto quel rap scaturito da una pinta di scura, l’irresistibile ritornello che profuma di giovani XTC e le chitarre stese a colpi di spatola ma rifinite con arguzia agganciano anche chi non ha dimestichezza con l’idioma. Per tutti gli altri, il cinismo umoristico e sentimentale da intellettuali proletari tongue-in-cheek è il nocciolo della questione, perché sparge parole di vetriolo in tre minuti di scintillante cortocircuito wave pop. Benvenuti, hip priests.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.