New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Yard Act: The Overload
Facciamo fuoco e fiamme, ma con discrezione

Pop proletari d’Inghilterra, unitevi!

Da quando ha traslocato in un’altra dimensione, Mark E. Smith è presente più che mai. Volendo infatti tracciare le coordinate di gruppi come Idles e Shame, il suo nome ricorre e non potrebbe essere altrimenti.

Lo stesso dicasi per gli Yard Act di Leeds, che si definiscono minimalist rock group e lo scorso febbraio hanno pubblicato l’ottimo E.P. Dark Days.

In circolazione da un paio di anni, ruotano attorno a Ryan Needham e al cantante – guarda un po’ il destino – James Smith. Qualche concerto, una parca manciata di brani e nasce il caso attorno a una formazione allargatasi a quartetto.

Tranquilli: una volta tanto c’è della sostanza. Per esempio un avant pop protestatario conscio che la Parklife è finita per sempre. O la satira avvelenata contro un neoliberismo che non ha i giorni contati. O, ancora, il momento in cui un gruppo inglese diventa un comunicatore sociale e il surrealismo serve a leggere meglio la realtà. Come in una scena di Doctor Who, William Hogarth si trasforma nel frontman dei Fall: è il mezzo a cambiare, non il fine. Travolgente e appiccicosa, The Overload funge da apripista per l’omonimo album in uscita ai primi del gennaio prossimo, dunque staremo a sentire.

↦ Leggi anche:
Misantropop! Una fenomenologia di Mark E. Smith (e dei Fall)

Intanto quel rap scaturito da una pinta di scura, l’irresistibile ritornello che profuma di giovani XTC e le chitarre stese a colpi di spatola ma rifinite con arguzia agganciano anche chi non ha dimestichezza con l’idioma. Per tutti gli altri, il cinismo umoristico e sentimentale da intellettuali proletari tongue-in-cheek è il nocciolo della questione, perché sparge parole di vetriolo in tre minuti di scintillante cortocircuito wave pop. Benvenuti, hip priests.

Yard Act Fall Mark E. Smith 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!