Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Wiegedood: Nuages
I morti continuano a stare bene, nonstante il freddo
↤ Tracce

Tutto lo splendore del black, senza un grammo dei suoi cliché.

Wiegedood
Nuages

Dopo il completamento della splendida trilogia composta dai tre De Doden Hebben Het Goed e relativo minitour finale (dove gli album venivano eseguiti interamente senza pause), era lecito chiedersi se i Wiegedood avrebbero continuato e, se sì, come. Il doloroso e lacerante tributo all’amico prematuramente scomparso era stato ormai scritto: cosa sarebbe restato nelle partiture di una delle band migliori del black metal attuale (chiamatelo post, blackened o quello che vi pare), una volta che la ferita causata dalla sofferenza profonda per una perdita si fosse rimarginata o quantomeno cicatrizzata?

La risposta è nel nuovo singolo uscito a sorpresa, che introduce il prossimo album, There’s Always Blood at the End of the Road, la cui pubblicazione è prevista per il 14 gennaio 2022.

In questa nuova fase dei Wiegedood (moniker già duro di per sé in quanto richiama la SIDS) le coordinate stilistiche condividono con il passato una marcata matrice black, ma qui al post-rock si sostituisce un industrial primordiale intriso di noise, con richiami che vanno dagli Swans periodo Children of God (la parte iniziale) alle soluzioni più schizoidi dei Today Is the Day (la coda). L’aggiunta importante di un basso in primo piano non sminuisce il sempre tagliente lavoro delle chitarre, ma anzi ne esalta ancor di più i dettagli, fondamentali nel dare movimento a un brano solo all’apparenza sparato a mille. Emozionalmente il nucleo non è più il cuore, e nemmeno lo stomaco: la psiche – con tutte le sue deviazioni – prende qui le redini del discorso, tra fobie, paranoie, malattie e ansie, ben descritte dal disturbante videoclip che accompagna il brano.

Se c’erano dubbi sul futuro degli olandesi, Nuages spazza via ogni cosa, riconfermando la band come una delle migliori del panorama estremo attuale. Assolutamente non solo per metallari.

↦ Leggi anche:
Trna: Istok

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.