Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Sarke: Beheading of the Circus Director
«Penso che ancora non siete pronti per questa musica, ma ai vostri figli piacerà»
↤ Tracce

Salmone black metal in progressivo guazzetto all’italiana.

Sarke
Beheading of the Circus Director

Nocturno Culto dei Darkthrone e il progettone Sarke sommano sette dischi in tredici anni. Questo è un assaggio leccornioso di quanto ormai le frontiere del black metal siano divelte, lasciando passare praticamente di tutto. Possiamo intuire l’alito di pesce marcio tra un accordo e un saltabecco ritmico, ma in un brano così c’è l’intero negozio di dischi. A cominciare dal progressive anni ‘70 di scuola peninsulare, con le svise tastieristiche alla PFM, accozzato ai Mastodon.

Beheading of the Circus Director cavalca lo stesso destriero dello stoner doom, ma con l’aggiunta di tastiere Algida e una tensione nerboruta che rimanda ai vecchi tempi di quando Michael Schenker si faceva in solitudine. Il brano esprime l’epica da cameretta del moderno metallo Pro Tools, ma con una componente svaccata che apre davvero spifferi sulle vecchie muffe viniliche omaggiate.

Ormai il solo ambito in cui si ricercano strumenti espressivi è proprio il versante intransigente del black norvegese, tra ritorni di fiamma revisionistici a un mondo mai vissuto (i Seventies, appunto) e rimpasti canonici di un metallo rimesso in fila ordinatamente dopo che internet ha permesso di costruire un percorso storico plausibile ma assolutamente farlocco.

I Sarke offrono un abbinamento impossibile anche nei sogni più sfrenati di Doc Emmett Brown: Il Balletto di Bronzo con King Diamond alla voce.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Metal  October 2021  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!

.