Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Mono: Heaven in a Wild Flower
C'è luce nei vicoli di Shibuya
↤ Tracce

Il pellegrinaggio del post-rock passa ancora dal paradiso dantesco.

Mono
Heaven in a Wild Flower

Il post-rock è uno dei generi che, nelle ultime due decadi, più è stato assorbito dal panorama musicale tutto, contaminandolo a suon di arpeggi meditabondi, atmosfere malinconiche e crescendo magniloquenti. Tra i maggiori esponenti di queste soluzioni sonore, sicuramente, non si può non citare il nome dei Mono.

Eccoli dunque tornare – puntuali come un orologio svizz… giapponese – con un nuovo lavoro, Pilgrimage of the Soul, e portare avanti quel canone che – anche grazie alla mirabile triade You Are There, Hymn to The Immortal Wind e For My ParentsTaka e soci hanno aiutato a rendere ben noto.

Qui, però, le tonalità si fanno ancora più eteree e la violenza espressiva di certi crescendo tace completamente in favore di un clima più mite e sognatore, che ben ricorda i vecchi fasti discografici. Anche questa volta i Mono regalano una piccola perla di emozioni, trascritte su un semplice giro di piano e orchestrate su un tappeto di archi di sicuro impatto immaginifico, paradisiaco, nel senso dantesco del termine. Heaven in a Wild Flower potrebbe infatti essere il seguito di Requiem for Hell di qualche anno fa.

Se nulla di nuovo fuoriesce dall’attuale proposta del quartetto di Shibuya è anche vero che quando la dolcezza e la pacatezza di certi sentimenti diviene così potente, allora, anche nel minimalismo e nel suo essere – se si vuole dire così – scontata, un ventennio di quella che qualcuno potrebbe chiamare “sempre la stessa roba” forse non è ancora abbastanza. Brani come questo, infatti, continuano ad arricchire una proposta musicale che può vantare cuore ed èpos veri, che possono continuare a vivere sempre con le medesime sembianze.

↦ Leggi anche:
Mono: Breathe

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.