Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ghost: Hunter's Moon
Venite a me
↤ Tracce

Morto un papa se ne fa un altro.

Ghost
Hunter's Moon

Al primo ascolto il nuovo singolo della creatura di Tobias Forge, uscita come colonna sonora del film Halloween Kills, delude chi ancora si aspettava un ritorno alle sonorità più grezze di Opus Eponymous.

A un secondo ascolto le cose migliorano un poco, anche se i rimpianti per i bei tempi andati in cui attorno al piccolo genio svedese c’era una band continuano a infiammare il lato critico.

Al terzo ascolto c’è la rassegnazione: i Ghost come gruppo (o parvenza tale) non esistono più, la magia del mistero su chi si nascondesse dietro le maschere anche, e le beghe legali tra il leader e gli ex membri hanno riportato tutto in una realtà molto meno fantasiosa e più concretamente fatta di tribunali e denunce via tabloid.

Al quarto ascolto non si può fare a meno di notare quanto lo stile compositivo di Tobias si sia incredibilmente affinato, abbracciando soluzioni melodiche e armoniche che farebbero invidia ai Queen e al mai troppo ricordato Project di Alan Parsons.

Già prima del quinto ascolto però ci si ritrova a canticchiare il pezzo mentre si fa la spesa, ed è lì che il tutto diventa più chiaro: Tobias Forge è sì nato metallaro, ma ha in sé la fiamma rarissima che rende irresistibilmente orecchiabile anche un pezzo all’apparenza minore come questo – brano che di semplice in realtà non ha nulla, con molteplici cambi d’atmosfera e intensità, mille dettagli non centrali che fungono da piccoli hooks al quale il nostro orecchio si aggancia rimanendo in costante ascolto attivo.

Quindi si, quei Ghost sono finiti e probabilmente non torneranno più, ma quello che ci resta è tutt’altro che fuffa: compositori simili che riescono a rendere pop ogni cosa che toccano senza risultare stucchevoli o banali sono merce rara. Forge ha cambiato nuovamente pelle (siamo al Papa Emeritus IV, dopo la parentesi del Cardinale), ma rimane uno dei musicisti contemporanei più validi e convincenti, e Hunter’s Moon probabilmente sarà una bomba nel tour dei palazzetti che verrà. Soprattutto non vi si scollerà dalla testa per molto tempo. La musica valida è anche questo.

↦ Leggi anche:
Ghost: Dance Macabre
Lucifer: Bring Me His Head
Death SS: Zora

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.