Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Enola Gay: Scrappers
Hiroshima mon amour… ops
↤ Tracce

Da Belfast, potenti come una bomba atomica.

Enola Gay
Scrappers

È l’Irlanda a contendere all’Inghilterra il primato della nazione con i migliori gruppi dell’attuale scena post-punk. Se è vero che dalla Gran Bretagna sono recentemente uscite ottime formazioni come gli Shame e i LICE (senza contare gli IDLES, gli indiscussi re di questa nuova ondata musicale), è altrettanto vero che è l’Irlanda la terra ad aver visto nascere alcune delle migliori realtà della musica contemporanea. Per esempio i Muder Capital, che con When I Have Fears hanno scritto uno dei dischi più intensi ascoltati negli ultimi anni, oppure i Fontaines D.C., ormai pronti a esplodere a livello mondiale oltre a essere, probabilmente, la miglior band di tutto il lotto, confini geografici a parte.

A queste due formazioni provenienti da Dublino, si vanno ora ad affiancare gli Enola Gay, freschi di pubblicazione del loro primo EP, Gransha, che segue il singolo The Birth of a Nation dello scorso anno. A differenza delle altre due band, questi arrivano invece da Belfast e sono tipi mediamente più incazzati e oscuri. Si sentano ad esempio le potentissime linee di basso – Joe Lally scansate proprio, eh! – o la foga con la quale il cantante declama i suoi testi. Una vera e propria esplosione nucleare, insomma.

Si mormora che già diverse etichette discografiche siano interessate a pubblicare il loro album di debutto, perciò meglio tenere le antenne ben puntate verso questi ragazzi che hanno preso in prestito il nome da un aereo tristemente famoso, perché potrebbero ben presto diventare la next big thing, ovvero quelli da seguire a ogni costo – costi quel che costi.

↦ Leggi anche:
TV Priest: Press Gang
Fontaines D.C.: Chequeless Reckless
Shame: Lampoon
Fontaines D.C.: Too Real
The Murder Capital: More Is Less
IDLES: Mr. Motivator
Fontaines D.C.: I Don't Belong
Shame: Alphabet
Scowl: Lord Porno
IDLES: Damaged Goods

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!


.