Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Black Country, New Road: Chaos Space Marine
Una foto dei Belle and Sebastian risalente al lontano 2001
↤ Tracce

L’importante è non porsi paletti, e tutto sarà spiazzante quanto imprevedibile.

Black Country, New Road
Chaos Space Marine

Manco abbiamo avuto il tempo per metabolizzare i vorticosi suoni del loro esordio, For the First Time, pubblicato a inizio anno, che i Black Country, New Road sono di nuovo in pista – un po’ a sorpresa – con un nuovo singolo. La canzone si chiama Chaos Space Marine ed è tratta dal loro secondo disco, Ants from Up There, in uscita il 4 febbraio 2022.

Una sorpresa, ok, ma soprattutto una piacevole conferma. Tra tutte le formazioni d’oltremanica uscite negli ultimi tempi, infatti, è proprio questo ensemble composto da bene sette musicisti quello che riesce ancora a stupire di più.

Ascoltare le canzoni del gruppo capitanato da Isaac Wood è come salire su delle montagne russe musicali. Immaginatevi di stare guidando in autostrada tra le montagne: all’improvviso prendete la prima uscita, senza pensarci troppo, e come d’incanto vi trovate di fronte il mare. Il nuovo pezzo continua sugli stessi binari, ovvero quelli in cui sai dove e come si parte ma non hai la più pallida idea di dove si andrà a finire (e lì sta il bello, verrebbe da dire). Un senso innato d’imprevedibilità su cui il suono dei Black Country, New Road calca ormai la mano pesantemente, ma che risulta la vera carta vincente per la band.

Chiamarlo progressive non gli rende giustizia, e comunque le etichette lasciano il tempo che trovano. L’importante è che questi giovani inglesi non perdano mai la freschezza che per ora dimostrano.

↦ Leggi anche:
Black Country, New Road: Track X
Black Midi: Ducter
Black Midi: Marlene Dietrich

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.