Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

The War on Drugs (feat. Lucius): I Don't Live Here Anymore
Te sei quello nuovo, mhm?
↤ Tracce

L’unica guerra giusta, che speriamo non finisca mai.

The War on Drugs (feat. Lucius)
I Don't Live Here Anymore

Un vecchio amplificatore, un tramonto su un prato brullo, le dita sulla tastiera, e la testa torna in quello specifico e magico non-luogo che esiste solo per le canzoni – lunghe, trascinate con malinconia potente per minuti e minuti – degli War on Drugs.

C’è in loro qualcosa, una scintilla di urgenza, un barlume di profezia che, nonostante i riferimenti evidenti e nonostante si tratti di una band di questi anni, ti fa in qualche modo pensare che stai ascoltando qualcosa non solo di bello, ma che resterà. D’altra parte, è per questo che hanno fatto quel non-luogo, ed è (anche) per questo che dovremmo ringraziarli – e per la possibilità di tornare a visitarlo nel breve intervallo di uno schiocco di dita, o di un dito che preme play.

Che poi il pezzo pubblicato pochi giorni fa – che vanta la collaborazione delle due voci dei Lucius, gruppo indie pop di Brookyln, ai cori – sia pure la title track di quello che si annuncia come il seguito ideale di A Deeper Understanding – l’album che ha una volta per tutte condensato quello stesso non-luogo – è una notizia ancora più felice. Ritrovare le note gloriose di queste chitarre più grandi della vita e le parole ferite di Adam Granduciel è decisamente un balsamo per questi giorni, ancora di più di quanto non lo fosse sentirle per la prima volta in un 2017 che adesso sembra lontano mille anni.

«I need a chance to be reborn», canta nei primi versi. So do we, guys – e per favore, stateci vicino.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?
.