Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Suuns: The Trilogy
Noi siamo un trio: forse non allegro, ma di un certo brio.
↤ Tracce

Complessi con anima: si può, eccome.

Suuns
The Trilogy

Quando pensi al post-rock e alla categoria di artisti – oggi sempre più rara – che non sbaglia un colpo e parla solo se ha qualcosa di importante da dire, vengono subito in mente i Low, solidissima colonna di ciò che rimane della creatività in ambito “chitarre e dintorni”. Stupisce semmai che dei canadesi Suuns si parli poco. Incredibile, per una formazione che circola da un decennio e in bacheca ha cinque album eccelsi più una collaborazione con l’ispido Jerusalem in My Heart.

In questo percorso immacolato, i ragazzi di Montréal non hanno rinunciato a modificarsi, mantenendosi comunque ogni volta riconoscibili, con la disinvoltura e l’abilità tipiche delle grandi band. Aggiungete intelligenza, acume e serietà e avrete a disposizione gli indizi per la fatidica prova. Ancora scettici? Sappiate allora che il loro “dopo rock” ha assunto forme poco più levigate senza tralasciare l’attitudine a una musica ballabile per nevrotici pacifici. Che il gusto melodico sbilenco ma dall’elevato tasso emotivo adesso spinge a ipotizzare un lussuoso modern(ariat)o techno pop. Che in questo caso “sperimentalismo” non significa per forza indurre emicranie e/o perdersi in nefasti onanismi neo-prog.

↦ Leggi anche:
Low: Double Negative Triptych
Low : Days Like These
Can: uomini del ventunesimo secolo
Low: Lies

Nell’estasi mista di codeina e silicio disegnata da The Trilogy, il quadro della situazione viene gradualmente distrutto dalle fiamme e alla fine la cornice è vuota. Si tratta di un depistaggio, nient’altro. Dal bosco sullo sfondo escono i Cluster e Brian Eno, si siedono sorridenti nella radura e dal cestino estraggono un microfono che puntano verso il cielo azzurro. Lo stesso cielo verso cui, con stridori un po’ subliminali e un po’ no, sale un’irresistibile ipnosi sonora in forma di spirale.

Al di là di ogni possibile rimando, i Suuns maneggiano una cornucopia di idee e non fanno sconti a nessuno. A loro stessi per primi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.