New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Radiohead: If You Say the Word
Se non l'avete mai sentita è un pezzo nuovo

Rifarsi vivi con nuove, vecchie promesse da marinaio.

I Radiohead, dopo quattro anni da OKNOTOK, tornano con una nuova traccia. Ci sentiamo autorizzati a definirla “nuova”, perché, nonostante i prodromi – dalle annotazioni nel diario di Ed O’Brien – siano rintracciabili già nel millennio scorso (anche come C-Minor Song), non si è ascoltato assolutamente nulla della suddetta prima d’ora.

«Say the word (or c-minor song) – grande batteria, basso e voce», scrive O’Brien il 9 settembre 1999, «personalmente sto diventando un po’ ansioso su questa, perché non riesco a trovare nulla che funzioni. Ho un’idea, ma non riesco a ottenere il giusto suono. Mi rende un po’ nevrotico. Finire su quella che chiamavo la “Jonny (Greenwood) Scott Walker Song” – tanto breve e dolce».

A scovare l’idea giusta Thom Yorke e soci hanno impiegato ben 22 anni, ma lavorare con lentezza ha portato buoni frutti e con molta probabilità anche qualche variazione sul tema. Quel brano partorito inizialmente con dolcezza, col passare degli anni ha perso la sua innocenza. Se le parole sembrano raccontare un’altra promessa, le sonorità scure fanno pensare si tratti di una beffarda menzogna. Qui siamo ben lontani dall’atmosfera fiduciosa di I Promise e dai suoi crescendo lucenti. «Verrò di corsa», canta oggi Yorke, ma tutto il contorno non convince e sa di balla cosmica.

Se poi ci aggiungiamo il videoclip diretto da Kasper Häggström, con la fotografia cupa di Daniel Voldheim, una distopia a metà tra Il racconto dell’ancella e The Lobster, ritroviamo in If You Say the Word la più pura essenza Radiohead: una natura a doppio taglio in cui, a dispetto delle apparenze eteree e rigogliose, c’è sempre ben poco da (sor)ridere.

Radiohead Thom Yorke Ed O'Brien Jonny Greenwood 

↦ Leggi anche:
Traccia: Burial (feat. Four Tet & Thom Yorke): Her Revolution / His Rope
Storia: Kid A e l'insostenibile pesantezza dell'essere i Radiohead
Traccia: Peter Frampton Band: Reckoner
Traccia: Philip Selway: Check for Signs of Life
Traccia: R.E.M. & Thom Yorke: E-Bow the Letter
Traccia: Radiohead: Burn The Witch
Traccia: Radiohead: I Promise
Traccia: The Backseat Lovers: Growing / Dying
Traccia: The Smile: You Will Never Work in Television Again
Traccia: Thom Yorke (feat. Radiohead): Creep (Very 2021 RMX)

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!