Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Placebo: Beautiful James
I baffetti da sparviero
↤ Tracce

La bellezza si nasconde anche nell’eterno ritorno dell’uguale.

Placebo
Beautiful James

I Placebo hanno smesso di fare capolavori da 20 anni. Su questo, più o meno, sono tutti d’accordo. Eppure deve esserci qualcosa nei loro ingredienti che riesce a non far mai scadere i lavori sotto un certo livello. Insomma non hanno mai avuto un Wild Mood Swings o un Risk, per capirci.

Questo plateau raggiunto – che solitamente fa arrabbiare i critici esigenti ma regala gioia ai fan meno rompiscatole – è lo stesso che hanno conquistato da anni gente come gli AC/DC o Slayer (R.I.P), band dove i veri e propri dischi da isola deserta erano ormai un ricordo lontano ma che comunque hanno continuato a sfornare per anni lavori più che decorosi in linea con il proprio stile.

Se preso in questa maniera, il nuovo singolo di Brian e Stefan è ineccepibile. Suona Placebo già dal quarto secondo, è riconoscibile in mezzo a milioni di brani nuovi e conserva tutte le variabili che vanno a costruire i loro pezzi da più di un quarto di secolo: la voce nasale di Molko con la sua metrica allungata sulle code, un riff semplice e quadrato con mille lavori di cesellatura negli arrangiamenti laterali, emotività a chili e voglia di muovere la testa.

Un insieme di clichés forse, ma che, come una carbonara, funziona sempre: se l’animo critico può far dire all’ascoltatore “eh però sono sempre uguali” la pancia si sente rassicurata, soddisfatta e fuori pericolo, consolata e coccolata nei sapori familiari che fanno sentire al sicuro.

La morale? Eccola: a volte ripetersi è meno peggio di quel che si pensa.

↦ Leggi anche:
Blackfield (feat. Brian Molko): Under My Skin (Sirens Remix)
Black Market Music: i Placebo in equilibrio su una supernova
Pink Turns Blue: There Must Be so Much More
Scattered Ashes: Parallel Lines

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.