Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Extranauts: We Used to Dream
Quando DEVO far capire da dove vengo
↤ Tracce

Vi va una botta di psycho-disco?

Extranauts
We Used to Dream

La psichedelia è sì un policromo genere musicale, ma ancora prima uno stato della mente. Per questo motivo, da che esiste, ha la tendenza a cambiare forma spesso e volentieri, adattandosi alle pieghe dell’abbandono dionisiaco e puntando al futuro. Chitarre o elettronica fa lo stesso, ma se le metti assieme può fare molto più della somma delle parti. Lo hanno spiegato con dovizia di particolari i Primal Scream giusto tre decenni fa nel capolavoro Screamadelica, dove il genio visionario Andy Weatherall aveva un ruolo fondamentale.

Proprio il suo fido compare Jagz Kooner – produttore dall’invidiabile curriculum e remixer sopraffino – è il pigmalione degli Extranauts, band irlandese al primo singolo. Il sestetto ha un’idea post del concetto di psichedelia, tradotta in apertura mentale e capacità di sintesi nell’amalgamare di tutto un po’. Senza alcun revivalismo, l’ispirazione base per i cinque minuti di We Used to Dream è il krautrock dal respiro urbano, evidente nel passo “motorico” sul quale si incolla una melodia allo stesso tempo epica e ipnotica, sorretta da sintetizzatori e chitarre che scintillano e un basso pulsante.

↦ Leggi anche:
Iceage: Vendetta
Amala, pazza Manchester!
Primal Scream: chiamatelo Apocalypse Pop

Ma è, per l’appunto, una base. Su quel groove potenzialmente infinito, come una corsa tra corridoi della mente, Kooner lucida una centrifuga disco-pop ad alta energia. Più maniaca che rétro, We Used to Dream è Giorgio Moroder sotto acido che a notte fonda accende le macchine fermandosi un passo prima del trash.

Giusto così, perché il video confonde le carte giocando con un immaginario enciclopedico passatista di ammiccamenti ed effetti, di rimandi e citazioni. Se c’è stato un tempo in cui sognavamo, adesso si fatica anche soltanto a concepire un domani mattina sereno. Però quel diritto a fantasticare lo reclamiamo ad alta voce, e in testa al corteo vogliamo gli Extranauts con le loro tute blu.

Avanti, popolo neopsichedelico.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.