Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Death SS: Zora
Alla faccia di Lucifero
↤ Tracce

Il culto inossidabile degli shock rocker per eccellenza.

Death SS
Zora

Il culto dei Death SS si basa sulle storielle. Partendo dalla prima intervista apparsa su Rockerilla nel marzo 1982, passando per la rocambolesca dipartita di Paul Chain, i misteriosi 7” pubblicati a uso privato, il demo in 2 copie, e così via. Insomma un culto si costruisce anche – spesso soprattutto – con i racconti che lo circondano.

Perché la musica non è (era?) solamente un insieme di note, ma ha (aveva?) anche la capacità di stimolare la fantasia, accendere la curiosità, far viaggiare l’immaginazione. Ecco allora che Steve Sylvester & Co. risultano davvero tra i capifila del genere. Persone che mille anni prima dei Ghost hanno saputo catturare l’attenzione dei proseliti, alimentando un fanatismo dove realtà e finzione si fondono al punto tale da diventare un unicum inscindibile: alla fine sappiamo tutti che si tratta di Clark Kent, ma è di Superman che siamo innamorati.

Il gioco però non potrebbe stare in piedi senza la musica (altrimenti sarebbe una pagliacciata tipo i Classix Nouveaux), e se c’è una cosa che ai Death SS non è mai mancata – seppur con alti e bassi, come in ogni carriera ultraquarantennale che si rispetti – è la capacità di saper scrivere brani convincenti e coinvolgenti.

Questa nuovissima Zora ne è un fulgido esempio: un mix tra le soluzioni più orecchiabili dei Ghost (appunto, soprattutto nelle parti melodiche) e un certo metal anni ‘80, che ricopre di drappi porpora l’anima nera e inconfondibile dei Nostri. Una cavalcata guidata dalla unica e sempre letale voce di Steve – vero e ineguagliato maestro delle cerimonie in nero – che continua a svettare anni luce sopra miriadi di wannabe della domenica.

Una conferma per un mito inossidabile. Ah, c’è anche il videoclip VM14 ed è uno spasso!

↦ Leggi anche:
Ghost: Dance Macabre
Lucifer: Bring Me His Head
Ghost: Hunter's Moon

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.