Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Chrome: H of Spades
Cromo fumante
↤ Tracce

Il ritorno di un pezzo del quadrato di San Francisco.

Chrome
H of Spades

I Chrome sono una delle band più influenti del ventesimo secolo. I Chrome non sono nemmeno una band in senso stretto. I Chrome esistono dal 1975 ma ogni album sembra ancora futuristico. I Chrome e il mondo hanno perduto il fondarore Damon Edge 26 anni fa. I Chrome attuali non sono una cover band, dato che sono capitanati da Helios Creed, in formazione dal 1976, affiancato qui dal redivivo Hilary “Stench” Haines, bassista nel periodo classico anni ‘80. I Chrome sorpassano il concetto di coolness rasentando il kitsch ma rimanendo comunque maledettamente credibili anche quando cantano roba come Anorexic Sacrifice. I Chrome dovrebbero ricevere la nomination per la Rock’n’Roll Hall of Fame solo per il gusto di andarci e bruciare tutto. I Chrome avrebbero il diritto di pretendere royalties ogni volta che un gruppo rock industrial suona la prima nota di qualsiasi canzone in qualsiasi momento.

Anche dai gruppi alternative. E da quelli noise. E indie. E post-punk. E tutti gli altri.

I Chrome possono permettersi di tributare Lemmy con un pezzo come questo che se suonato da altri sembrerebbe un semplice plagio, fatto da loro è puro genio iconoclasta. I Chrome riceverebbero anche pacche sulle spalle da un ghignante Kilminster se fosse ancora qui, che in segno di complice riconoscimento – anche solo per il testo nonsense – offrirebbe loro una riga di speed. Loro ovviamente ne chiederebbero due.

I Chrome sono la band seminale più sottovalutata della storia al punto tale che nessuno li cita nelle liste delle band sottovalutate. A loro comunque non frega nulla. Né delle liste né delle altre band.

I Chrome sono come una rarissima forma di dipendenza. Prenderla è difficile, ma se capita non te ne liberi più. I Chrome sono tornati con un album stellare che suona maledettamente come loro e nient’altro.

I Chrome non sono per tutti. Ma se non li conoscete e la curiosità è il motore della vostra vita, lasciatevi ammaliare usando H of Spades come porta d’ingresso: ad attendervi troverete 46 anni di musica eccellente da riscoprire.

↦ Leggi anche:
Lemmy è morto e anche il metal non si sente tanto bene

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.