Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Vanishing Twin : Big Moonlight (Ookii Gekkou)
Unite i puntini e...
↤ Tracce

In un atipico bar sotto il mare.

Vanishing Twin
Big Moonlight (Ookii Gekkou)

A raccontarli, i Vanishing Twin possono ricordare una barzelletta vecchio stile: ci sono una cantante inglese (Cathy Lucas, già nei Fanfarlo), una batterista italiana (Valentina Magaletti: ha tenuto il tempo per Bat for Lashes), il bassista giapponese (Susumu Mukai aka Zongamin) e un polistrumentista albionico (Phil M.F.U., ex Broadcast: si sente). Mancano solo il Papa e un aereo e ci siamo. La faccenda, in realtà, è seria e meritevole di interesse. Perché anche sulla soglia del difficile terzo album, nel favoloso mondo dei Vanishing Twin nulla è quel che sembra.

Con le dovute sfumature, l’estetica sonora e non del quartetto indaga il bagaglio di suggestioni, fantasie e memorie assemblate a posteriori comune ad altri contemporanei ghostalgici pop. Come i Beautify Junkyards, anche loro proseguono nel solco di Stereolab, Movietone, Pram e giustappunto Broadcast mescolando exotica e jazz saturnino, Morricone e Umiliani, elettronica vintage e orientalismi, tarda psichedelia e Canterbury, krautrock e tropicalismo. Di tutto? Di più.

Riadattati i costumi del balletto triadico di Oskar Schlemmer, aggiungono due cubetti di ghiaccio, shakerano e servono un cocktail gustoso. Attenzione, però: pensi a un tasso alcolico leggero, ma questo pop trasversale nasconde le inquietudini sotto un policromo tappeto. Fa e disfa la trama, intreccia il lato oscuro dell’infanzia alle stranezze del quotidiano e inganna a fin di bene.

Come una marea figlia della luna piena, la musica cresce un ascolto dopo l’altro. La sciantosa, il groove e l’organetto ti seducono e ipnotizzano. Il monoscopio inizia a cambiare forma, le alghe ti legano i piedi e l’acqua sale alla gola. Strane creature che sfuggono alla luce del sole si animano. Non hai paura, anche se tutto è un po’ strano e hai appena capito che non ne uscirai più. Poco male: a un certo punto arrivano delle sirene, e una volta tanto non si tratta di ambulanze.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.