Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tré Burt: Sweet Misery
Sono un ragazzo di strada
↤ Tracce

Dal busking e dall’autoproduzione, all’etichetta di John Prine, alle vostre orecchie.

Tré Burt
Sweet Misery

Rigenera, specie in tempi ostici come quelli che viviamo, sentire belle storie nella musica e, in generale, di come qualche volta le cose si mettano bene da sole. «Tré Burt non è estraneo alla coincidenza. Molta della sua carriera musicale è stata segnata da incontri casuali e felici incidenti, il tipo di cose che vedi nei film ma di cui fai raramente esperienza nella vita reale», si legge nella biografia di questo folksinger, un po’ Ben Harper e un po’ Bob Dylan. E come un altro eroe folk di tempi recenti, Glen Hansard, Tré Burt non si limita a raccontare una vita romanzata, ma cerca inconsapevolmente di rendere romanzata la vita che vive.

Il suo primo album, Caught It from the Rye, se lo era prodotto e promosso da solo, suonandolo anche per strada, almeno finché non è stato preso sotto l’ala di John Prine, la cui Oh Boy Records l’ha rilanciato da zero. Fra l’altro, la leggenda del country ci ha lasciati l’anno scorso: cosa c’è di più cinematografico e romantico di un passaggio di testimone del genere?

Quel che è sicuro è che Burt ci darà soddisfazioni, e che la Sweet Misery di cui – amaro come se fosse molto più vecchio di quel che è – ci parla, probabilmente la conosce meglio di altri. Pennate di acustica, armonica, una voce un po’ graffiata, e si ritrova tutto quel che ci eravamo persi. You, Yeah, You sarà il suo nuovo album – il che ci fa capire che, ancora una volta, de te fabula narratur, e di fronte a una canzone ben fatta non possiamo chiamarci fuori. E speriamo di non farlo.

«You, yeah, you, who else am I talking to?».

↦ Leggi anche:
Glen Hansard: Roll On Slow
Ben Harper: Uneven Days
Ben Harper: Don't Let Me Disappear
Olivia Vedder (feat. Eddie Vedder & Glen Hansard): My Father's Daughter
Glen Hansard: dalla strada, al successo, alla strada
Flag Day: un batterista italiano nella colonna sonora del nuovo film di Sean Penn

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.