Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Jinjer: Vortex
Non tragga in inganno l'acconciatura tipo principessa Leila
↤ Tracce

Definirli solo metalcore sarebbe ingiusto nei loro confronti: questo è ukrainian groove metal!

Jinjer
Vortex

I Jinjer sono una fusione tra le melense sceneggiate ribelliste dei gruppi metalcore, la raffinata decadenza degli Opeth prima del trip vintage prog e un po’ di nu metal, che prima o poi da qualche parte doveva riproporsi, vista la gran massa di giovini che quindici anni fa non ascoltavano altro.

Eppure qui non siamo di fronte solamente a un’accozzaglia di sottogeneri assemblati a comparti stagni in una traccia-matrice uguale alle altre undici dell’intero disco. I Jinjer hanno una visione che non si sa bene dove li porterà, né se poi il mondo vorrà seguirli a scoprirla, sia chiaro. Ma non è poca cosa nel 2021, se suoni roba satura.

Per ora sono una bella realtà crossover, capace di usare un do-saggio di ingredienti in equilibrio sul baratro del lago di piscio di Satana. Vortex è un pezzo che non si fa mancare proprio nulla. Dalle sboronate mosh dei Lamb of God, al rapsodismo dei System of a Down, con la presenza femminile che sciorina moine cyber-yoga alla Cristina Scabbia e poi mangia tutti sul cranio come sapeva fare Otep Shamaya.

I Jinjer sono da tener d’occhio, ma non perché sono ucraini e così potete tutti fare gli hipster metallari aperti alle valenze esotiche dell’omogenisfero: sono semplicemente buona ciccia per i denti di chi ancora spera di trovare qualcosa di saporito nel versante djent-core-math-groove metal.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.