Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

At the Gates: The Fall into Time
Barbe e ca(p)pelli
↤ Tracce

La reunion è stata una riabilitazione di sei anni, ma i risultati vanno oltre le più ottimistiche aspettative.

At the Gates
The Fall into Time

Si sono riformati nel 2010 e hanno ricominciato a far dischi nel 2014. Purtroppo sembravano davvero un pallido spettro di ciò che gli At the Gates erano nel 1995, anno in cui implosero, lasciando un disco fondamentale per il death melodico, che qui è superfluo citare. Ok, va bene, lo cito: Slaughter of the Soul. Da At War With Reality, gli At The Gates non sembravano neanche così convinti di continuare. Di sicuro la musica nuova non esprimeva tutta questa ritrovata ispirazione. Poi è uscito To Drink From The Night Itself (2018) ma anche lì non è che ci fosse anche lì una prorompente euforia creativa. Si tirava avanti faticosamente, in una riabilitazione compositiva appesantita da spesse ragnatele.

Oggi riecco gli At The Gates quelli belli, quelli grandi, che non hanno niente da chiedere a nessuno, seguono le strade che sentono di dover seguire, finendo per trovare luoghi che nessuno potrebbe scoprire, a parte loro.

The Fall Into Time è l’autentica rinascita degli At The Gates progressivi e sperimentali, liberati dall’immagine cristallizzata degli anni 90, dalle beghe e dagli scazzi, dal bisogno di celebrare e di ricordare come si facevano le cose davvero fiche. C’è sempre stata tanta sofferenza nel percorso di questo gruppo. Il latrato di Tomas Lindberg è l’espressione totale di questo spirito claudicante e inquieto che vaga fino a smarrirsi, in corridoi così bui e freddi, senza luci o rumori. La ragione creativa di una band del genere è avveneristica, esplorativa. Non devono chiedersi cosa il pubblico possa attendersi, ma dove lo condurranno per mano ancora una volta.

Gli At The Gates sprofondano nel tempo, lo trascendono, alla faccia dei nostalgici, del “vintage è cool”, della gran retorica “dell’underground perchéssì”, dove un gruppo si ritrova a dover rispondere di un’immagine calcificata di se stesso, e rinfacciatagli da un pubblico disperatamente attaccato a un momento irripetibile, che pretendere sia eterno, o se non altro reiterato, anche se in questa ripetizione si svuota di senso sempre più.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.