New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Alewya: Jagna
Black and white, ma soprattutto black

Corri, ragazza, corri. Hai tutto quel che serve per non perderti per strada.

Quando pronunci parole come multiculturalismo e crossover, oggi pensi a una come Alewya. State a sentire: venticinque anni, nata in Arabia Saudita da padre egiziano e madre etiope, cresciuta in Sudan e trasferitasi nella zona ovest di Londra. Due brani sono bastati per guadagnarsi l’ammirazione di Little Simz, che l’ha voluta per aprire le date del prossimo tour, e ad appuntarla sul taccuino. Piace che Alewya impressioni badando al sodo, cioè poggiando tutto su un talento puro e poliedrico.

Un talento che si è abbeverato a molte fonti sin da quando, in giovane età, a scolpirne personalità e consapevolezza sono stati la spiritualità islamica, la musica tradizionale etiope, un fratello maggiore fan di Smashing Pumpkins, Nirvana e Deerhunter. E un blues che gli esseri umani tengono sotto la pelle come stato dell’anima e del cuore. Qualcosa che solo dopo – molto dopo – diventa un genere musicale che puoi plasmare su ciò che ti circonda e ti scoppia dentro. Blues sono Robert Johnson, Massive Attack, Tricky, Tinariwen, Mulatu Astatke e per questo Alewya spiega che, tra le altre cose, Jagna è anima e rabbia, vulnerabilità e liberazione. In amarico, comunque, la parola significa “guerriera” e infine tutto torna.

↦ Leggi anche:
Storia: 30 anni di Massive Attack
Traccia: Archive: We Are The Same
Traccia: Horace Andy : Safe from Harm
Storia: Il dolceamaro domani dei Portishead
Storia: Io, profeta: Tricky in cima al mondo
Traccia: Little Simz: Might Bang, Might Not
Traccia: Massive Attack (feat. Young Fathers, Algiers & Saul Williams): Eutopia
Traccia: Ree-Vo: Protein (The Bug Remix)
Traccia: Tricky (feat. Marta): Makes Me Wonder
Traccia: Tricky: The Only Way

Il cerchio si chiude perfettamente su una voce che sferza e carezza su atmosfere allo stesso tempo ancestrali, futuribili e contemporanee. Incalzante il saltellare ritmico ed efficaci sonorità che frullano schegge di hip hop, UK garage, reggae ed etnotronica. Una melodia sospesa tra panorami urbani e Corno d’Africa si sviluppa sempre meno frenetica fino a sciogliersi in un anticlimax mistico.

Mentre applaudi, osservi una Grace Jones con l’attitudine di M.I.A. correre dal buio pesto nella luce e rallentare, respirare e guardare avanti. Diresti che nulla possa fermarla e che di fronte a sé abbia un futuro radioso. L’età, le idee e la visione ci sono tutte. Long may you run, girl.

Alewya Little Simz Massive Attack Tricky 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!