Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Wolves in the Throne Room: Mountain Magick
Barbe e fronde silvestri
↤ Tracce

Il ritorno dei lupi del Pacific North West

Wolves in the Throne Room
Mountain Magick

Nel grande panorama del post-metal, di cui è ormai diventato stendardo il festival olandese Roadburn, uno dei nomi di punta è certamente diventato quello degli americani Wolves in the Throne Room. Complice, in parte, l’appellativo di cascadian black metal e un’attitudine ambientalista da cuore di metallo e barba laccata, i ragazzotti di Olympia hanno brillato fino a Thrice Woven, loro ultimo album del 2017. Per poi, effettivamente, sparire dai radar.

I Lupi pubblicheranno il nuovo disco il prossimo 20 agosto. Intitolato Primordial Arcana, sarà il primo con il nuovo cantante e chitarrista Kody Keyworth, che ha fatto parte del processo di scrittura fin dall’inizio e che, tutto sommato, non sembra far rimpiangere Nathan Weaver (e nemmeno far notare molta differenza, a esser sinceri). Avendo sempre in considerazione che – come detto da Aaron Weaver, bassista e fondatore della band – uno dei concetti fondanti del gruppo è quello di incanalare le energie del paesaggio del Pacifico nord-occidentale in forma musicale, anche questa volta i crismi sono tutti in ordine.

Le tirate in blast beat, il grattugiare dei riff, le atmosfere boschive aperte dei pad, i testi di ritualità sacra, oscurità e poesia panica, i panorami silvestri e innevati: tutto contribuisce a sancire la proposta dei Nostri e li riconferma quali rappresentanti di un legame arcaico dell’uomo con la natura, intagliato nella corteccia di una musicalità oscura e megalitica.

Grazie al satanismo di rito – ma solo nel senso di fondamento estetico e panismo epicheggiante – sono riusciti a mettere insieme il black metal scandinavo con il verbo psichedelico ed evocativo dei Neurosis, in una maniera certamente autentica e non troppo artefatta. Sicuramente la loro presenza scenica – fuoco compreso e divieto di cellulari (per quanto possibile) durante i live – e il loro fascino mistico sono un valore aggiunto a uno stile musicale che oggi vanta innumerevoli cloni.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.