New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Goon Sax: In the Stone
A chi toccava lavare i vetri questa settimana?

Chiamatela teenage post-retromania.

Si son presi cinque stelle sul Guardian. Pitchfork e Stereogum li hanno messi sullo stesso piano di Courtney Barnett. NPR si è fatto meno scrupoli e li ha paragonati nientepopodimeno che ai Talking Heads. Hanno più o meno vent’anni scarsi e stanno per pubblicare il terzo disco, ma son rimasti umili. Di David Byrne e soci hanno la straordinaria capacità di tirar fuori melodie degne degli ABBA con la scaltrezza di riuscire a farle apprezzare non solo al popolino delle balere mainstream ma anche a certi (sedicenti) palati fini. Con la Barnett condividono – oltre ai natali aussie – uno spiccato storytelling slacker, il ben definito stile nel non-cantare e dei testi in cui è difficile distinguere quando lo humor puro e semplice sfocia nell’autoironia che a volte pare quasi autocritica. 

Una storia già vista e una narrativa già sentita. Eppure c’è qualcosa che ha salvato i Goon Sax dal rivelarsi effimere promesse che consumano in fretta tutta la corrente necessaria a tenere in vita la luce che all’improvviso li ha illuminati. Un fraintendimento, come spesso accade. Fraintendimento che oggi – in un modo post-Eilishiano – sarebbe stato molto meno probabile, ma che già soli cinque anni fa non era ancora così verosimile: non prendere sul serio tre sedicenni della buona borghesia di Brisbane che cantano in maniera relativamente allegra roba pesa a tema «I hate myself and I want to die». Trovarli al massimo buffi, sicuramente innocui. Nel senso, qua c’è gente che ha vissuto il grunge e ancora organizza pellegrinaggi verso una famosa villa di Seattle, vuoi mettere? Poi è andata che il tutto è finito nel faldone dei cute teenage feelings e la questione si è rivoltata come un calzino: i ricordi sporchi dentro e fuori tutto un pucci-pucci con gli adolescenti al centro di un dibattito ancora in corso (e i cui moderatori adolescenti non lo sono più da un pezzo, s’intende).

Così anche James Harrison, Riley Jones e Louis Forster hanno superato senza particolari traumi lo scoglio del fatidico secondo album e ora arrivano con la giusta esperienza sulle spalle in casa Matador. Chitarre tintinnanti, linee di basso solide, due voci che mascherano la differenza di sesso con il comune timbro scazzato e vanno a cavalcare l’onda mai esaurita del Nineties lo-fi e della sua poetica a base di non-rivolta Pavementoniana. 

In the Stone è ispirata al periodo che hanno passato in Germania, subito dopo essersi diplomati (e con già un disco di debutto alle spalle – vale la pena ricordarlo) e il video è tanto brutto quanto il pezzo è accattivante, nella sua ricerca di uno stile visivo che rimanda appunto alle VHS della Berlino anni ‘80, di cui non c’era bisogno. Stile visivo che (fun fact) a Berlino negli anni ‘80 avrebbero evitato volentieri ma con cui erano costretti a convivere per limiti tecnologici e per ricreare il quale oggi troviamo nei credits una lista infinita di stimati professionisti (compositing e color grading specialist, 3D graphics expert, stylist, HMUA, DOP e un gran ambaradan di altri acronimi, qualunque cosa significhino) che fa pensare a tutto meno che al concetto di “low budget”.

Ma questa è un’altra storia, parla della retromania a cui siamo rimasti sotto da un po’ e a spiegarcela c’ha messo 528 pagine uno molto più bravo di noi. Insomma, non è certo colpa dei Goon Sax.

The Goon Sax Talking Heads Courtney Barnett 

↦ Leggi anche:
Courtney Barnett: Elevator Operator
Courtney Barnett: Nameless, Faceless
Tess Parks & Anton Newcombe: Please Never Die
Courtney Barnett (feat. Vagabon): Don't Do It
Courtney Barnett: Before You Gotta Go
Talking Heads: quarant'anni nella luce
David Sylvian: parlando di poesia con lo sciamano

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!