Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Powerwolf: Beast of Gévaudan
Licantropia portami via!
↤ Tracce

Homo homini licantropus, come diceva Thomas Hobbes prima di trasformarsi in un ristorante vegetariano francese.

Powerwolf
Beast of Gévaudan

La bestia di Gévaudan è esistita davvero. Hanno cercato di fermarla in tutti i modi: le ricompense reali hanno scatenato vasti eserciti di cacciatori professionisti e improvvisati. Hanno partecipato persino indiani d’America praticanti arti marzial… ah, no, quello era solo un film intitolato Il patto dei lupi, ispirato comunque alla medesima faccenda di un mostro peloso che divorava pecore e persone, le quali persone, evidentemente, come dice il proverbio, “si facevano pecore”, ma non come in Sardegna.

Perdonate il tono scanzonato ma stiamo per parlarvi dei Powerwolf e la modalità ironica deve essere necessariamente su on, se si vuole uscirne con l’intelligenza salva e non fatta a brandelli dalle unghiute melensaggini di questi peluriosi ceffi iperproteici.

I Powerwolf sono una concept band tedesca incentrata sulla figura dell’uomo lupo. Praticano un metal molto tastierato e vitaminico che starebbe bene a far da sigla a un Dragonball di serie Z invece delle caverneadi saghe lupine con cui Attila Dorn seguita imperterrito ad assediare il recinto della nostra ragione pecorina. Sono tedeschi di Cermania e fanno album dopo album tutti rigorosamente alla tetesca, vale a dire senza sgarrare di un watt e di una sbavata digitale. Con una media indefessa di uno all’anno. Ovviamente sanno come inculcare nel cuore sapide melodie da combattimento e pescar su, da nordici furbacchioni, il guerriero, pelame a parte, che alberga in tutti noi.

Beast of Gévaudan, a guardare il video, si inerpica su un crossover cristocanaro che farebbe la gioia contenuta di Richard Benson, con un finale al sangue che stria le candide vesti della Vergine Maria. Potente, non c’è che dire, esattamente come la burina melassa da cantare tutti in coro fino al fondo del boccale, al prossimo festivalone metallico di Bafiera. Up the Wolves!

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.