New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Monster Magnet: When the Wolf Sits
I druidi di ritorno da Gerusalemme

Monster Magnet
When the Wolf Sits

C’è chi ha bisogno di un amante, chi di un bel trip.

When the Wolf Sits è un grandissimo pezzo di una band chiamata Jerusalem: gruppo sottovalutatissimo anche se vogliamo restringere il cerchio al primo panorama heavy psych degli anni Settanta, visto che hanno pubblicato solo un disco omonimo e sono stati poi inevitabilmente adombrati dai più fortunati Black Sabbath e Deep Purple.

La versione dei Monster Magnet ne è una fedele riproposizione, amplificata di volumi e fuzzoni, ma davvero in grado di non passare inosservata nemmeno al giorno d’oggi. «You need a lover / I need a trip / We need each other / Before we slip / Into another dawn / Into another morning / Just like today / And the day before / In fact I don’t know / What I’m looking for / Right now». Parole come queste possono davvero risuonare (insieme al tema di chitarra elettrica), ancora per molto e ancora per molti.

L’immortale Dave Wyndorf deve probabilmente aver tolto un po’ di polvere dai suoi vecchi dischi durante questo lockdown e in A Better Dystopia decide di ripescare a piene mani da tutto quel ben di dio dimenticato nei suoi scaffali. Proto-metal, figlio degli albori della psichedelia distorta e furibonda, allucinata dalle classiche droghe più o meno leggere, d’ordinanza e non. Un album tributo al genere, un omaggio alla storia del rock tutto.

Pezzi come questo – inseriti nel contesto di cui sopra – fanno ben sperare per quanto riguarda la lunga vita che questa roba può ancora vantarsi (non solo sperare) di avere in futuro. Sì, certo, la pancetta è aumentata, la ginocchia non son più quelle di una volta e intorno il palco non si fanno più quei bong epocali da viaggi cosmici. Non più ragazzini visionari, dunque, ma ora vecchi saggi, a cui confidare sempre e comunque i propri segreti da cameretta. Druidi, forse? Anche, perché no?

Monster Magnet 

↦ Leggi anche:
Traccia: Monster Magnet: Mindfucker

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!