Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Monster Magnet: When the Wolf Sits
I druidi di ritorno da Gerusalemme
↤ Tracce

C’è chi ha bisogno di un amante, chi di un bel trip.

Monster Magnet
When the Wolf Sits

When the Wolf Sits è un grandissimo pezzo di una band chiamata Jerusalem: gruppo sottovalutatissimo anche se vogliamo restringere il cerchio al primo panorama heavy psych degli anni Settanta, visto che hanno pubblicato solo un disco omonimo e sono stati poi inevitabilmente adombrati dai più fortunati Black Sabbath e Deep Purple.

La versione dei Monster Magnet ne è una fedele riproposizione, amplificata di volumi e fuzzoni, ma davvero in grado di non passare inosservata nemmeno al giorno d’oggi. «You need a lover / I need a trip / We need each other / Before we slip / Into another dawn / Into another morning / Just like today / And the day before / In fact I don’t know / What I’m looking for / Right now». Parole come queste possono davvero risuonare (insieme al tema di chitarra elettrica), ancora per molto e ancora per molti.

L’immortale Dave Wyndorf deve probabilmente aver tolto un po’ di polvere dai suoi vecchi dischi durante questo lockdown e in A Better Dystopia decide di ripescare a piene mani da tutto quel ben di dio dimenticato nei suoi scaffali. Proto-metal, figlio degli albori della psichedelia distorta e furibonda, allucinata dalle classiche droghe più o meno leggere, d’ordinanza e non. Un album tributo al genere, un omaggio alla storia del rock tutto.

Pezzi come questo – inseriti nel contesto di cui sopra – fanno ben sperare per quanto riguarda la lunga vita che questa roba può ancora vantarsi (non solo sperare) di avere in futuro. Sì, certo, la pancetta è aumentata, la ginocchia non son più quelle di una volta e intorno il palco non si fanno più quei bong epocali da viaggi cosmici. Non più ragazzini visionari, dunque, ma ora vecchi saggi, a cui confidare sempre e comunque i propri segreti da cameretta. Druidi, forse? Anche, perché no?

↦ Leggi anche:
Monster Magnet: Mindfucker

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.