IDLES: Damaged Goods
Toccarsi le palle, a vicenda
↤ Playlist

Canzoni senza data di scadenza, che non vanno a male mai.

IDLES
Damaged Goods

Ascoltare gli IDLES che nel 2021 rifanno uno dei classici dei Gang of Four è una cosa che fa bene. E fa bene principalmente per due motivi.

Il primo è che grazie a questa cover – inserita nel tributo, appena uscito, The Problem of Leisure. A celebration of Andy Gill and Gang of Four – molti fan del gruppo capitanato da Joe Talbot avranno modo di scoprire una delle più influenti band post-punk britanniche degli anni Settanta. Il secondo motivo è che proprio grazie a questa reinterpretazione diventa lampante quanto gli IDLES – nonostante continuino a non nascondere le proprie influenze – non siano una semplice e banale formazione che vuole solo scopiazzare chi ha scritto grande musica ben prima di loro.

Se la versione originale di Damaged Goods, contenuta in quel capolavoro di Entertainment!, è quasi danzereccia e vanta un riff rubato dai chitarristi di mezzo mondo, la versione degli IDLES mette invece in risalto le peculiarità di quella che è stata la proposta di Andy Gill e soci, ovvero ritmiche serrate, chitarre che paiono macigni e un cantante che più che limitarsi a cantare, urla e strepita, come se la sua vita dipendesse proprio da quella canzone.

Il tributo contiene cover incise da gente come Tom Morello, Serj Tankian, Helmet, Gary Numan e Flea con John Frusciante. Troppa grazia!

↦ Leggi anche:
IDLES: Mr. Motivator
TV Priest: Press Gang

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist: