Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Black Midi: Marlene Dietrich
Buone idee che fluttuano nello spazio
↤ Tracce

La stravagante opera da tre soldi dell’art rock contemporaneo.

Black Midi
Marlene Dietrich

Fresco fresco di uscita, Cavalcade è la definitiva conferma della qualità dei Black Midi. Ancora una volta, infatti, dopo Schlagenheim del 2019, la band di Londra assesta il suo pugno sul grugno della musica contemporanea, sfidandone i crismi espressivi. Questa volta, però, con una maggiore autorevolezza e maturità.

Se infatti le perle prog-neofolk di Ascending Forth e Diamond Stuff o quelle math-core di Slow sono nuovamente espressione della extravaganza del trio (ora – ufficiosamente – senza il chitarrista Matt Kwasniewski-Kelvin), è tirando in ballo la mitica Marlene Dietrich che l’estro dei tre dà il meglio di sé.

Come il titolo lascia intendere, il pezzo è incentrato sulla figura della diva e femme fatale per eccellenza, colei che ha scaldato i cuori (e non solo) di mezzo mondo a partire dalla sua interpretazione di Lola Lola in L’angelo azzurro del 1930. «She whispers Demurely from The Blue Angel / The song we all know, the one that we’ve paid for». Per poi ampliare il tiro con «Her cheeks cradle the holy breath that pumps the lungs of her Mackie Messer», andando a includere fatalmente – in un discorso più che mai onnicomprensivo (non solo musicale, dunque) – anche La ballata di Mackie Messer di Kurt Weill e Bertolt Brecht e inserita in L’opera da tre soldi del 1928.

Che sia proprio Cavalcade l’opera da tre soldi dei Black Midi? A volte si piazza lì l’appellativo di art rock un po’ quando le cose esulano da un confine facilmente definibile. Non sappiamo se effettivamente sia il termine adatto per descrivere quello che prova a fare il trio londinese, ma sicuramente di rock e di arte, qui, ce n’è a bizzeffe. Difficile, oggi – anche per i più curiosi musicofili – riuscire a imbattersi in qualcosa di più ispirato.

↦ Leggi anche:
Black Midi: Ducter
Black Country, New Road: Track X

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.