Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Behemoth: Shadows Ov Ea Cast upon Golgotha
L'ora dei vespri
↤ Tracce

Barocchismi black metal affacciati sulla laguna della Vistola.

Behemoth
Shadows Ov Ea Cast upon Golgotha

Da quando il black metal ha cominciato a non essere più considerato una nicchia fatta solo di borchie, face-painting e sparuto pubblico da locale underground, ma – possiamo dirlo – ha cominciato a fare tendenza tra gente cool, il nome dei Behemoth ne è diventato un po’ l’emblema. L’architrave barocca ed estetizzante che ne ha certamente plasmato sempre di più la forma.

Ma non tutto il male viene per nuocere e – anche se per i fan di vecchia data, alcune plasticose trovate possono sembrare (ehm) mainstream – tutto sommato la band di Nergal ha saputo mantenere, se non altro, uno standard qualitativo di sicuro impatto scenico. L’immaginario e la produzione di serie A hanno infatti giocato a gran vantaggio della band di Danzica, come testimonia una produzione video sempre più attenta e curata (Bartzabel, O Faher O Satan O Sun!).

Shadows Ov Ea Cast upon Golgotha ripercorre le pose di Caravaggio e il consueto quanto truculento immaginario gotico-biblico, risanando il confine che è sempre esistito (anche se molto sottile) tra metal satanico e sangue di martirio. Senza contare Giuditta e Oloferne di Artemisia Gentileschi e altri sicuri riferimenti in ambito pittorico che diventano materiale di speculazione aggiuntivo, così come la ripresa di certi stilemi – in generale assai forzati – come l’Ov, che di certo non è attestato come forma arcaica in inglese. L’estetica, prima di tutto – questi sono i tempi.

A ogni modo ancora una volta Nergal e soci sembrano aver colpito nel segno, non disdegnando la deriva più morbida e melodica e puntando l’all-in sul banco di un impatto che possiamo definire tutt’altro che minimale. La mistura di cuore e melodia che c’era in The Satanist sarà merce dura da recuperare, ma poco male, visto quanti ormai hanno messo i polacchi sul piedistallo. E non sono decisamente in torto.

Behemoth 

↦ Leggi anche:
Behemoth: Wolves of Siberia