Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Arthuan Rebis: Driade
L'albero della vita in technicolor
↤ Tracce

Celebrare l’esistenza e il suo percorso, senza timore dei cambiamenti.

Arthuan Rebis
Driade

A volte la vita prende percorsi tali per cui persone che scorrono su binari paralleli ai nostri se ne vanno per altre direzioni e si perdono di vista. Non sempre la cosa è voluta, anzi. Il treno dell’esistenza a volte entra in una galleria buia e quando ne esce, senza preavviso, il binario che era siamese fino a poco prima è scomparso. A volte ci si ritrova a pensare a quei treni, e ci si augura che il loro sia – comunque e sempre – un viaggio fruttuoso. Fa parte del vivere. Poi – per puro caso, dopo molti anni – fermandosi in qualche stazione capita di incrociarsi di nuovo. Alcune locomotive che erano state gemelle si riconoscono subito, altre hanno subìto trasformazioni all’apparenza radicali, ma basta guardarle bene per ritrovare tratti comuni.

Per il darkettino medio il nome Arthuan Rebis non significa nulla. Eppure dietro questo pseudonimo si cela Alessandro Cucurnia, che molti di voi avevano lasciato ai Crisantemo del Carrione, splendido progetto in bilico tra il neofolk, la darkwave, l’elettronica e il cantautorato. Progetto che ha raccolto molto meno di quanto meritasse, in realtà. Il viaggio di Alex lo ha portato a staccarsi da certi stilemi artistici, arrivando man mano ad abbracciare in toto una riscoperta per le sonorità celtiche – suoni che già aveva esplorato nel profondo con i Magic Door e gli Antiqua Lunae – e che ora raggiungono vette di perfezione squisitamente difettosa, in puro medieval style, con il nuovo singolo Driade.

Figura mitologica della tradizione greca, la Ninfa della Quercia viene qui celebrata in tutto il suo splendore, con una ballata classica che non manca di far sussultare. I suoi guizzi enfatici ci accompagnano per mano, senza forzature, in mondi ed epoche sognanti, a doppio legame con la natura.

Sono lontani i tempi della Splend’Or a litri e dei chiodi zeppi di borchie, eppure il tutto fa parte di un disegno omogeneo, ovvero il percorso di un artista vero che non ha paura di seguire i propri istinti, inseguendo ciò che ama senza lasciarsi legare dal passato.

Ovunque il suo treno lo porterà, Alessandro sarà sicuramente sempre più carico di storie da raccontare: non è forse questo il fine ultimo del vivere?

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.