Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Vasco Brondi: Ci abbracciamo
The artist formerly known as Le luci della centrale elettrica
↤ Tracce

Chiamalo col suo nome.

Vasco Brondi
Ci abbracciamo

C’è un momento preciso nel nuovo disco di Vasco Brondi in cui Vasco Brondi diventa Lorenzo Cherubini. Succede presto, è la seconda canzone, quella con la cassa in quattro e il mantra di Sant’Agostino: “Amate e fate quello che volete”. Si intitola Ci abbracciamo, titolo jovanottiano come pochi, e sta dentro a Paesaggio dopo la battaglia, il primo disco a nome Vasco Brondi del nostro, dopo 10 anni di carriera a nome Le luci della centrale elettrica.

Quando sciogli il gruppo, ma il gruppo eri tu, e poi torni sulle scene a nome tuo, cioè insomma sei sempre tu, quello che stai cercando di dirci è che no, non sei sempre tu: ti sei fatto crescere la barba, hai iniziato a meditare, non hai più l’età per farti portare a bere nelle pozzanghere, hai capito che qua o stiamo uniti o esplodiamo, o ci stringiamo forte o ognuno vola via nella centrifuga cosmica.

«Farò rifare l’asfalto per quando tornerai» è diventato «Sei ritornata / la qualità dell’aria è migliorata», ma l’immaginario brondiano (brondistico?) non è cambiato: Madonne e tangenziali, costellazioni dentro i capannoni, citazioni a pioggia e i gabbiani che non la smettono di urlare perché non riescono a capire dove finisce il fiume e dove comincia il mare. Se gli volevi bene, continuerai a volergli bene. Se ti sembravano scritti con un generatore automatico, continueranno a farti lo stesso effetto.

Ci voleva Stefano Accorsi che mi raccontasse la storia della polka chinata alla fine del video per farmi capire che sì, il mantra di Sant’Agostino sarà pure un po’ scontato, ma la verità è una sola: se non possiamo ballare, non è la nostra rivoluzione. Cosmo secondo me è molto d’accordo.

↦ Leggi anche:
Cosmo: Sei La Mia Città
Jovanotti: Oh, vita!
Cosmo: Turbo/Attraverso Lo Specchio
Cosmo: Le Voci

Simone Rossi
Simone Rossi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.