Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sharon Van Etten & Angel Olsen: Like I Used to
Trovare qualcuno a cui appoggiarsi
↤ Tracce

Il duetto che tutti si aspettavano ma nessuno osava chiedere.

Sharon Van Etten & Angel Olsen
Like I Used to

Per fortuna che qualcuno alla fine ha superato l’imbarazzo, la soggezione reciproca e ha preso l’iniziativa – e dunque eccola qui: la collaborazione più telefonata della storia del pop rock al femminile di oggi. Un po’ come era già successo con Emma Ruth Rundle e Chelsea Wolfe per i palati più post-metallari, anche questo brano rispetta e accontenta pienamente tutte le premesse.

«Ci siamo date il cinque molte volte lungo la strada. Finalmente, nel giugno del 2020, ho avuto il coraggio di porgerle la mano per cantare insieme. Le ho inviato subito un brano su cui stavo lavorando» dice la Van Etten. «Ho incontrato Sharon qui e là nel corso degli anni» conferma la Olsen «e sono sempre stata troppo timida per chiederle cosa stesse facendo o a cosa stesse lavorando». Timidone.

Ed è proprio tutto qui. Like I Used to suona esattamente come un bel singolo radiofonico scritto da Sharon Van Etten ultimo periodo (ahinoi, non quello più malinconico à la Tarifa, ma va bene lo stesso) e arricchito dal timbro – ormai quasi inconfondibile – di Angel Olsen. Chitarra da spiaggiona a fare da apripista e poi via col solito chorus che funziona fin dal primo ascolto.

Prodotto da John Congleton – che ha lavorato in precedenza con entrambe (con la prima per Remind Me Tomorrow e con la seconda per Burn Your Fire for No Witness e All Mirrors) – il brano risulterà forse-chissà-ci auguriamo, parte di una collaborazione più ampia. Sperar, di certo, non nuoce.

↦ Leggi anche:
Angel Olsen: Shut Up Kiss Me
Jeff Ament: Safe In The Car
Sharon Van Etten: Comeback Kid
Angel Olsen: Lark
Deep Sea Diver (feat. Sharon Van Etten): Impossible Weight
Courtney Barnett (feat. Vagabon): Don't Do It
Angel Olsen: Intern

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.