Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Populous: Luna liquida
Andrea Mangia aka Populous aka Popy, disegnato da Duanne Marques Bruno
↤ Tracce

Questa è musica che non sta né in cielo né in acqua.

Populous
Luna liquida

C’è un pezzo nuovo di Populous, si chiama Luna Liquida ed è il primo singolo del nuovo disco Stasi, in uscita a maggio per La Tempesta. La canzone è contemporaneamente spaziale e sottomarina, la tiene in piedi un riff di un sintetizzatore che potrebbe essere un Prophet da 5 mila euro o un plugin crackato, ma tanto la ascolterai sul cellulare. E non dovresti! Hai sentito che bassi?

Andrea Mangia diceva nei giorni scorsi su Facebook che i Portishead sono stati un’ispirazione continua nella sua carriera in generale e in questo disco in particolare, e Luna Liquida mantiene le promesse: un bum bum cha ipnotico e sfrigolante tipo Adrian Utley che registra un demo da mandare a Beth Gibbons per vedere se le viene voglia di cantare due strofe. Io ci sento dentro pure parecchio Four Tet periodo New Energy, saranno le marimbe alla fine o il sample di voce del tizio. Poi mi dirai cosa ci senti tu. Se non ti piacciono né i Portishead, né Four Tet, davvero non so cosa stiamo parlando a fare.

↦ Leggi anche:
Populous: Azulejos

Letti i titoli dei pezzi (Luna liquida, Vita lenta, Meditazione urbana), ascoltate le playlist ambient che il ragazzo ha pubblicato su Spotify durante tutto il 2020, vista la copertina così profondamente blu, c’è da giurare che la percentuale di reggaeton in Stasi sarà davvero bassissima, e se non è una buona notizia questa, dammene tu una migliore.

Simone Rossi
Simone Rossi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.