Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Pink Turns Blue: There Must Be so Much More
What shall we do if Pink Turns Blue?
↤ Tracce

Giochi d’ombra a tinte cupe, ma sempre e comunque a tinte rock.

Pink Turns Blue
There Must Be so Much More

I Pink Turns Blue fanno rock. Più precisamente la band tedesca mischia con sapienza new wave chitarristica e post-punk. Generi che agli albori si opponevano a ciò che era considerato rock, ma che di fatto ne utilizzavano lo stesso linguaggio pur dicendo cose diverse, tanto che venne coniato per gruppi simili il termine gothic rock, dove gotico – va ricordato – è un aggettivo.

Sono attivi dal 1985, eppure ascoltando il nuovo singolo non sembrerebbe: There Must Be so Much More suona fresca e schietta come se fosse uscita da una sala prove abitata da adolescenti in piena ispirazione creativa, con un senso di urgenza comunicativa da fare invidia ai ventenni.

Il pezzo si muove malinconico dipingendo a tinte cupe la scarsa consapevolezza di sé che troppo spesso porta a chiudersi dentro una stanza immaginaria, privando l’esistenza di qualsivoglia forma di ottimismo. Il break centrale è il monito: deve esserci di più. Ed ecco che le chitarre entrano davvero in scena, un grido che è un invito a non lasciarsi andare e a combattere la negatività che (soprattutto in questo periodo) ci circonda.

Un singolo catartico per rialzare la testa e riprendere in mano le redini della propria esistenza. Una grande conferma per una delle band più sottovalutate del genere, che – pur muovendosi sempre ai margini del mainstream – ha influenzato in maniera decisiva decine di gruppi ben più fortunati (qualcuno ha detto Placebo?)

↦ Leggi anche:
Blackfield (feat. Brian Molko): Under My Skin (Sirens Remix)
Scattered Ashes: Parallel Lines
Placebo: Beautiful James
Black Market Music: i Placebo in equilibrio su una supernova

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.