New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Bloodbound: Creatures of the Dark Realm
Brutti ma buoni

Bloodbound
Creatures of the Dark Realm

Le creature del regno oscuro e l’eterna questione tra buono ed esteticamente ostile.

I Bloodbound sono tra le poche power band metal che ancora riescono a suscitare interesse e mantenere una certa credibilità, a distanza di quasi vent’anni dal tempo in cui gruppi del genere spuntavano come funghi ogni settimana sul mercato euroasiatico e a cui le riviste specializzate, in sede di voto recensorio, invece di dare sette o nove finirono per tirar contro tutto il pallottoliere. Come tutte le stagioni favorevoli del mercato, di quel fenomeno gioioso, pomposo e ingiustificabilmente ottimistico, non è rimasto pressoché nulla. Tranne i Twilight Force. E i Bloodbound, appunto.

Gli elfi con l’arco a sei corde sono riusciti a conquistare e disfare l’entusiasmo critico in un paio di dischi, mentre questi cornuti cugini di Svervegia tengono duro, in modo abbastanza inspiegabile, visto che annegano nelle tastiere e negli armonismi quasi tutte le buone idee, ma di tanto in tanto imbroccano una “bellodia” così radiosa e spedita, che è proprio la strada delle fanfare a esaltarla al massimo.

Creatures of the Dark Realm riesce laddove i Lordi falliscono da troppi anni, danzando sulle punte nel vischioso ballroom del pacchiano esoterico. C’è un ritornello così guilty pleasure da sfociare quasi nel penale, associato a un’attitudine burina e che va al sodo senza quasi nessun interludio Bontempi. Quattro minuti che restituiscono al metallo le selve di spade, i fiumi ribollenti e le plananti e pindariche eiaculazioni fantasy-nerd.

Ciliegina sulla torta (o forse l’esatto contrario – de gustibus), un Patrik J Selleby che sembra la versione luciferina di Giuliano Sangiorgi. E non solo a livello estetico.

Twilight Force Bloodbound 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!