New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The White Buffalo: Fantasy
Forse "fantasy" è anche il genere

Storie dalla sincerità quasi aggressiva, e un timbro vocale di cui non si vede il fondo.

Nato nell’Oregon, cresciuto in California, nutritosi del folk e del songwriting americano più classico, e con un timbro di voce che (lo so, è la prima cosa che viene in mente) ricorda abbastanza da vicino Eddie Vedder – almeno quello degli ultimi 15-20 anni, scopertosi cantautore acustico dai toni profondi come un pozzo. Questo è White Buffalo, al secolo Jake Smith. Raro e imponente come un bufalo bianco, appunto, ci tiene a presentarsi come un teller of stories.

Qualcuno se lo ricorderà per Sons of Anarchy – serie dalla soundtrack sfavillante – in cui è presente con un’intensissima versione del classico House of the Rising Sun, qui adattata anche nel testo. Spero di non bestemmiare dicendo che a momenti la preferisco a quella – strafamosa, giustamente celebrata – degli Animals.

↦ Leggi anche:
Traccia: Eddie Vedder: Cartography
Storia: Eddie Vedder for President
Storia: Flag Day: un batterista italiano nella colonna sonora del nuovo film di Sean Penn
Traccia: Olivia Vedder (feat. Eddie Vedder & Glen Hansard): My Father's Daughter
Traccia: Pearl Jam: Can't Deny Me
Traccia: Pearl Jam: Dance of the Clairvoyants

Ad aprile dello scorso anno è uscito l’album nuovo. Questa, invece, è una bonus track finora presente solo in formato fisico nell’edizione UK, e da pochissimo disponibile pure in streaming.

Ritmo rotolante, melodia sincera, atmosfera semiacustica: gli elementi ci sono tutti, e c’è pure quella disperata voglia di redenzione tipica del bufalo, che aleggia in mezzo ai versi con cui chiede conferme: «Do you mean it now? / There ain’t no guarantee / Am I lost in you? / Are you lost in me? / Or is it a fantasy?».

Non è chiaro se, come la sua stessa biografia ci dice, il timbro di White Buffalo sia davvero «direttamente connesso a una verità più alta». Quello che arriva è una brutale sincerità, quella nuvola di spaesamento in cui ci si trova buttati quando un artista si mette a nudo di fronte a te, e che in alcuni – che percepiscono quella splendida nudità come repellente e spigolosa – genera un senso di paura. Senza accorgersi del fatto più importante: quella paura è la materia di cui dovrebbe essere fatta la vita, in tutta la sua instabile meraviglia.

The White Buffalo Jake Smith Eddie Vedder 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!