Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The White Buffalo: Fantasy
Forse "fantasy" è anche il genere
↤ Tracce

Storie dalla sincerità quasi aggressiva, e un timbro vocale di cui non si vede il fondo.

The White Buffalo
Fantasy

Nato nell’Oregon, cresciuto in California, nutritosi del folk e del songwriting americano più classico, e con un timbro di voce che (lo so, è la prima cosa che viene in mente) ricorda abbastanza da vicino Eddie Vedder – almeno quello degli ultimi 15-20 anni, scopertosi cantautore acustico dai toni profondi come un pozzo. Questo è White Buffalo, al secolo Jake Smith. Raro e imponente come un bufalo bianco, appunto, ci tiene a presentarsi come un teller of stories.

Qualcuno se lo ricorderà per Sons of Anarchy – serie dalla soundtrack sfavillante – in cui è presente con un’intensissima versione del classico House of the Rising Sun, qui adattata anche nel testo. Spero di non bestemmiare dicendo che a momenti la preferisco a quella – strafamosa, giustamente celebrata – degli Animals.

↦ Leggi anche:
Pearl Jam: Dance of the Clairvoyants
Eddie Vedder: Cartography
Olivia Vedder (feat. Eddie Vedder & Glen Hansard): My Father's Daughter
Eddie Vedder for President

Ad aprile dello scorso anno è uscito l’album nuovo. Questa, invece, è una bonus track finora presente solo in formato fisico nell’edizione UK, e da pochissimo disponibile pure in streaming.

Ritmo rotolante, melodia sincera, atmosfera semiacustica: gli elementi ci sono tutti, e c’è pure quella disperata voglia di redenzione tipica del bufalo, che aleggia in mezzo ai versi con cui chiede conferme: «Do you mean it now? / There ain’t no guarantee / Am I lost in you? / Are you lost in me? / Or is it a fantasy?».

Non è chiaro se, come la sua stessa biografia ci dice, il timbro di White Buffalo sia davvero «direttamente connesso a una verità più alta». Quello che arriva è una brutale sincerità, quella nuvola di spaesamento in cui ci si trova buttati quando un artista si mette a nudo di fronte a te, e che in alcuni – che percepiscono quella splendida nudità come repellente e spigolosa – genera un senso di paura. Senza accorgersi del fatto più importante: quella paura è la materia di cui dovrebbe essere fatta la vita, in tutta la sua instabile meraviglia.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.