New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Gojira: Born For One Thing
Trovate quello che non ha capito il dress code

Continuare a crescere senza invecchiare, o comunque invecchiando bene.

I Gojira sono uno dei pochi gruppi a tenere ancora in piedi quel discorso di evoluzionismo metallaro interrottosi intorno alla metà degli anni zero, quando le band di nuova generazione hanno rinnegato le commistioni figose, le chitarre a sette corde, l’esistenzialismo e si sono tuffate in un gigantesco tino di cervogia, annegando in vecchie memorie mai vissute direttamente. La band francese invece seguita il proprio percorso ridefinendo ancora la propria identità. Qui sembrano i Machine Head senza la spocchia di Robb Flynn, e non è cosa da poco.

Born For One Thing è un misto di vecchio thrash migliorato, dilatazioni rumoriste e aperture melodiche quasi industriali, ma principalmente è una gran canzone che crede ancora nel ritornello emozionale, nonostante l’impalcatura irrequieta e l’andazzo un po’ algido. C’è l’abrasione sperimentale delle nuove band da cameretta e il sudore, il sangue, la saliva e le altre espressioni fisiche di una sonorità carnale, impervia ed emotivamente pesa che ormai il COVID ha mandato in pensione.

↦ Leggi anche:
Gojira: Stranded

La band farcisce il brano di una valanga di passaggi che sono come dei siparietti tra uno sprazzo di luce e una coltre di stelle morte, e dalla biologia imbalsamata del video finisce per rappresentare un bel cimitero di rifferismi alla Sepultura, Meshuggah, Pantera e Prong, che suonano come i ruggiti e i barriti di tigri ed elefanti rievocati dei bei giorni selvaggi di una giungla ormai diserbata.

Gojira 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 9 persone!