New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Godspeed You! Black Emperor: Government Came (9980.0kHz 3617.1kHz 4521.0 kHz)
Parole per musica senza parole

Godspeed You! Black Emperor
Government Came (9980.0kHz 3617.1kHz 4521.0 kHz)

Che Dio protegga il punk sinfonico. E la sua rivoluzione.

Chi l’avrebbe mai detto che sarebbe stato proprio il Kanada a partorire oggi le migliori generazioni di dissidenti musicali? Ancora una volta, infatti, nel giro di quella Constellation Records (ormai una nuova etichetta punk à la Dischord, se ci si pensa bene), si ritorna a parlare di uno dei gruppi di punta del panorama post-rock mondiale. Anche se nel caso specifico dovremmo parlare piuttosto di punk sinfonico.

Il settimo sigillo dei Godspeed You! Black Emperor – ora G_d’s Pee – torna a far luce sulle radici più rock del collettivo, riportandolo a quella matrice che aveva contraddistinto le proposte più ideologicamente connotate della band (vedi Yanqui U.X.O. o Slow Riot for Zero Kanada). Poco male, insomma, vedere almeno qualcuno che – seppur privandosi per principio di grandi grida o parole enfatiche – riesca a fare i conti con il mondo contemporaneo senza prendere in mano le solite storielle di critica sociale. Più che altro farlo in maniera – tutto sommato – piuttosto credibile.

↦ Leggi anche:
Savage Republic : Bizerte Rolls
Good morning, Spiderland!
Vic Chesnutt e la cristallizzazione di un attimo (im)perfetto
Pugni alzati come antenne verso il paradiso infernale dei GY!BE

«Tutte le attuali forme di governo sono fallite» si legge nella presentazione-statuto di G_d’s Pee AT STATE’S END! – in altri termini: come gestire, adesso, l’impatto sociale della governance failure? E pensare che lì in Canada non si sta poi così malaccio in quel senso. Cosa dovremmo dire da queste parti?

Government Came (9980.0kHz 3617.1kHz 4521.0 kHz) è infatti una parte di una delle quattro macrotracce in cui è diviso il nuovo lavoro. Ancora una volta difficile da scindere dal magma sonoro in cui è immersa e dal momento del disco in cui è posta, il pezzo è forse il più “tradizionale” del lotto. La sua progressione è riportata in auge da un suono più “rock” e da un missaggio che ben rappresenta la dimensione live e la performance di proiezioni a 8mm, marchio di fabbrica dei GY!BE, tanto quanto lo stendardo della speranza – HOPE – che sembra quasi essere sempre meno credibile di questi tempi. Anche per i suoi portavoce più romantici.

«Abbiamo acceso di nuovo le radio a onde corte, per la prima volta da molto tempo. E abbiamo scoperto che molte cose erano cambiate. I pastori dell’apocalisse erano ancora lì, ma urlavano LA FINE DEI TEMPI È ORA! Mentre una volta gridavano LA FINE DEI TEMPI VERRÀ PRESTO!». Anche l’augurio Godspeed si è infatti amaramente trasformato in piscio dell’Altissimo. E quello State’s End deserto riflette molto della contemporaneità che ormai – come si legge su Bandcamp della band – versa in uno stato di disfatta post-apocalittica. Mai come ora una qualche rivoluzione sarebbe davvero necessaria.

Godspeed You! Black Emperor 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 9 persone!