New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Debauchery: Skull Mountain
Paghi uno e prendi uno moltiplicato per tre

L’occasione per un’interessante riflessione sul metal di oggi, più uno che trino.

Il primo fu Quorthon, al secolo Thomas Börje Forsberg, il quale fondò i Bathory e si ritrovò a incidere tutto da solo. Un uomo dietro un’intera band. A un certo punto ebbe addirittura il bisogno di uscire dal gruppo (che era solo lui) per dare il via a una carriera solista, firmata semplicemente Quorthon, a partire dal 1994. A quel tempo, da un po’ era esplosa la seconda ondata black metal, con esemplari di rara misoginia e dissociazione mentale come Varg Vikernes (Burzum), il quale rese esteticamente volontario ciò che per Quorthon era stata solo un’incresciosa successione di eventi che l’avevano costretto a registrare dischi con un suono di merda, tecnicamente precari, senza l’aiuto di nessuno.

Negli ultimi vent’anni sono spuntati parecchi epigoni burzumiani e bathoryani, come per esempio Leviathan, Striborg, Xasthur, tutti e tre raccolti nel pregnante documentario One Man Metal. Questi suonano tutto loro, ma preferiscono chiamarsi come delle band e suddividere se stessi quasi in modo schizofrenico su ogni strumento, approfittando dei moderni vantaggi della sovraincisione casalinga. Anche Thomas Gurrath – leader e unico strumentista dei Debauchery – segue la stessa direzione delle one-man metal band, ma ha deciso di esagerare, suddividendo se stesso non in una ma in tre band e racchiuderle in uno split.

Uno split è un disco in cui suonano più gruppi, spartendosi magari i lati – ormai si fa per dire di questi tempi – di un LP o una musicassetta. I Debauchery si presentano quindi con un album condiviso insieme ai Balgeroth e i Blood God. Chi saranno questi ospiti invitati da Gurrath? Sempre lui. La schizofrenia metallica è ormai fuori controllo.

Il pezzo in questione, di cui è necessario parlare in questa sede, Skull Mountain, è la consueta epica macellaia a cui ci ha abituato Gurrath: doppia cassa senza un domani, chitarre sode alla tedesca e vocione cavernoso in stile Chris Barnes versione Six Feet Under. Si tratta di una versione estremamente burina del vecchio death’n’roll, ma simpatica e goliardica. I costumi alla Gwar sono stati creati solo in quest’occasione e permettono a Gurrath di rendere ancora più forte l’illusione – a se stesso in primis – che si tratti di un gruppo vero.

Debauchery 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!