New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Living: Two Generation Stand
In fondo basta un po’ di effetto seppia per tornare al 1982

The Living
Two Generation Stand

Una tarda rivincita per la scena punk rock della Seattle anni Ottanta.

Pensate che i Living potessero fare la stessa fine dei 10 Minute Warning? «10 Minute… chi?» vi starete chiedendo. Appunto.

Siamo nel 1982, a Seattle. Ben prima dell’esplosione del grunge, della nascita di gruppi come Death Cab for Cutie e Shins e del successo di Macklemore, quindi. All’epoca i gruppi locali sono per lo più formazioni punk rock che giocano a decelerare i ritmi, inserendo nelle proprie canzoni una valanga di riff che sanno lontano un miglio di Black Sabbath.

Uno di questi, i 10 Minute Warning – che annoverano tra le proprie fila niente meno che Duff McKagan – provano senza alcun successo a incidere un disco. Ci vorranno uno split e quasi altri vent’anni per permettere alla band di completare il proprio debutto uscito via Sub Pop nell’ormai lontano 1998 (e che vi consiglio calorosamente di recuperare).

Ai Living è invece andata un filo meglio, grazie al batterista (Greg Gilmore, futuro Mother Love Bone) che ha conservato per tutti questi anni i demo incisi nel 1982, canzoni che saranno pubblicate il prossimo 16 aprile per Loosegroove Records, l’etichetta discografica di Stone Gossard.

Two Generation Stand, il primo estratto dal disco, è un pezzo di puro punk rock vecchia maniera che se nell’intro ricorda Attitude dei Misfits, si snoda poi in vie parallele a quelle percorse giusto qualche anno prima dai Sex Pistols e dai Damned, ma con quell’urgenza tipica dei Dead Kennedys, che all’epoca, va detto, andavano proprio forte.

Tutti pronti a fare un tuffo nel passato?

The Living 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 9 persone!