Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Horrors: Lout
Testimonial per un mondo green
↤ Tracce

L’orrore cambia pelle e si veste di fulminanti scosse latex.

The Horrors
Lout

Sembravano destinati a grandi cose gli Horrors. Dopo un debut che fece rizzare le orecchie degli appassionati di mezzo mondo, ogni uscita veniva guardata con curiosa ammirazione e il loro nome rimbalzava su tutte le riviste che contano. Poi però l’hype è sfumato, gli anni sono passati e il mainstream si è dimenticato di loro.

Eppure la carriera dei ragazzi dell’Essex ha continuato a regalare dei gioielli musicali incredibili, in uno sviluppo artistico dove il motto è sempre stato “non fossilizzarsi”. Dal garage/horror punk, passando per il post-punk e lo shoegaze, sino ad arrivare all’elettronica raffinatamente sghemba, per poi fare un tuffo nel synth pop, ognuno dei cinque album sinora pubblicati ha mostrato diverse facce del mondo Horrors.

↦ Leggi anche:
The Horrors: Machine

Cosa ci si poteva aspettare dunque dal prossimo disco? Semplice: una nuova sterzata. Lout, antipasto gettato ai fan senza il minimo preavviso, è una bordata industrial dove gli stilemi classici della band sono ricoperti di strati elettronici ruvidi e pesanti. Non ci sono ritornelli da imparare a memoria né melodie orecchiabili da canticchiare mentre ci si fuma una cicca: solo un vizioso assalto sonico degno degli Skinny Puppy che fanno un’orgia con Manson e Reznor dei tempi d’oro, mentre i Ministry con Al pre-rasta stanno a guardare compiaciuti.

Qualcosa che davvero non ci si aspettava e che stupisce piacevolmente per la genuinità: la band non si è snaturata e non sta scopiazzando nessuno, semplicemente continua a esplorare quel labirinto infinito che è la musica, traendone ispirazione da piegare al proprio bisogno artistico d’espressione.

Già, sembravano proprio destinati a grandi cose, gli Horrors. E per chi sa ascoltare e andare oltre al trend del momento, Lout ne è la lampante dimostrazione.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.